Dialetto di Lesina (Fg)

lesina2-1-720x540

Proverbi

La bellezze è comë e nnu fiore, prime nasce e ppò more
(La bellezza è come un fiore, prima nasce e poi muore)

Brutte e preffediusë
Brutto e permaloso)

La facce mignulline e lu cule matracine
(La faccia magrolina e il culo grosso)

U bone ne credë a lu malate e u sazie ne credë a lu ddiune
(Il sano non crede all’ammalato e il sazio non crede al digiuno)

La ciocche ca nne parlë è chiamatë checocce
(La testa che non parla si chiama zucca)

L’acqua corre e u sanghe quagghie
(L’acqua corre e il sangue coagula)

La šcacche de foche dure poche,
la šcacche de lu vine dure nu tandine,
la šcacche de nature fise a la morte dure
(Il rossore del fuoco dura poco,
il rossore del vino dura un tantino,
il rossore di natura fino alla morte dura)

Occhie nne vedë e recchië nne sendë
(Occhio non vede e orecchia non sente)

Lu musse è longhë e stritte, ce ficche la case che tuttë lu titte
(La bocca è lunga e stretta, ci entra la casa con tutto il tetto)

A ttrippa vacande nen-ge sone e nen-ge cande
(A pancia vuota non si suona e non si canta)

Mana càvede sta malate, mana fredde sta nnammurate
(Mano calda sei malato, mano fredda sei innamorato)

U pede a la cùnnele e l’arte a la mane
(Il piede alla culla e il lavoro in mano)

Ne sta morte senza rise e nne sta zite senza chiande
(Non c’è morto senza riso e non c’è sposa senza pianto)

Adove spute u pòpele fa la fundane
(Dove sputa il popolo fa la fontana)

Criature e pullë n-zonne maie satulle
(Bambini e polli non sono mai satolli)

La mmerde cchiù ce mmescetieje e cchiù puzze
(La merda più si rimesta e più puzza)

________

Proverbi traslitterati dall’alfabeto IPA di Maria Carosella, Repertoriazione del patrimonio paremiologico dialettale di Lesina (Fg), Collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari, Cattedra di Dialettologia Italiana, Università “La Sapienza” di Roma, Centro Stampa “Nuova Cultura”, Roma 2005.

Annunci