Cambuasciàne, sande e riàule

 

campobasso_campanile_s-_bartolomeo-e-minardi
Campobasso. Campanile San Bartolomeo. (foto di E. Minardi)

Cambuasciàne, sande e riàule

di Stefano Di Maria, tradotto in dialetto campobassano da Rosaria Pietromonaco, dalla cui voce (Cambuasciàne, sande e riàulë) viene qui trascritto in grafia DAM (scarica il manuale).

Nu cambuasciàne re cinguand’anne, chélle che l’addummanne l’addummanne, t’arrespónne accuscie: «M’arrecorde ca na ’ote, quanne javame uagliune, jeva tutta cambagne. Allore ne jeve cumm’e mo. La cetà funije acquà e štavame sembe a jucà mmiéze a la vije, frabbecavame carrozze che le taccozze re ligname e le cuscenétte re le màchene; sennò štavame arrangecate ngoppe all’àrbere… e mamme, la bonalme, puurelle, z’arrajave cumm’e nnu cane.» Continua a leggere “Cambuasciàne, sande e riàule”

Annunci

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe a pPeppa, XX

La massarije, z’arrecanósce, è chélle
ch’appare a la sulagne gghianghejate,
che té nd’all’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Fossalto

EUGENIO CIRESE

Camina

Da ngoppa all’úorte
sembrava na furmica
pe ru tratture.
Annanze e arräte
matina e sera:
a scégne la matina,
a renghianà la sera
sudate e sctanghe,
la zappa ngúolle
e päde nnanze päde, tranghe tranghe. Continua a leggere “Dialetto di Fossalto”

Dialetto di Castelmauro

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’estate?
Ché bbella matina d’estate!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvene jenestre e gerasule
e vele gghianghe de paranze
come a scènne de palómme. Continua a leggere “Dialetto di Castelmauro”

Dialetto di Casacalenda

GIOSE RIMANELLI

Moliseide

U Munne d’u Molise sonne i cose
che fanne ’a vite chiene d’aria fine.
’A gente érrìve e magne, ze repose
penzanne: «Tenne u doce scti métìne!»
’A Chiazze guarde sembe chi ze spose
pecché te vò vedé se puó’ chémpà. Continua a leggere “Dialetto di Casacalenda”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zappatë è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tutte ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al dialetto napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i dialetti del cosiddetto «volgare pugliese», comprendente il napoletano e i dialetti italici o ausònii, che insieme e più modernamente costituiscono i dialetti alto meridionali (DAM) o meglio, secondo la definizione dell’UNESCO, la «lingua napoletana» (classificata come seconda lingua d’Italia), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”