Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

 

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Annunci

Koinè abruzzese

Pescara_-_foce_del_Fiume_pescara_e_torre_municipio

Pescara

OTTAVIANO GIANNANGELI

Ottaviano Giannangeli (Raiano, 20 giugno 1923 – Sulmona, 17 dicembre 2017), poeta in lingua e in dialetto, romanziere e critico letterario, visse a lungo a Pescara, dove insegnò Lingua e letteratura italiana presso l’Università “Gabriele D’Annunzio”. Fondò e condiresse la rivista “Dimensioni”. Come poeta, al dialetto di Raiano (Aq), suo borgo natìo, preferì la koinè abruzzese, che è, si può dire, la varietà linguistica di Pescara. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Lu libbre d’Ottavie (Sulmona, 1979); Arie de la vecchiaie (Nova Italica, Pescara 1989); Lettera alla posterità in “L’Italia sotto sequestro” (ivi 1990); Litanie per Marin ed altri versi in abruzzese, in “Diverse Lingue” (n. 10, 1991). Continua a leggere “Koinè abruzzese”

Dialetto di Pescara

GABRIELE D’ANNUNZIO
(Pescara 1863 – Gardone Riviera 1938)

Gabriele_D'Anunnzio

Il Vate scrisse anche in dialetto abruzzese e, occasionalmente, in milanese, in romanesco e in napoletano.
Le due poesie che seguono sono state trascritte in grafia DAM (scarica il manuale) secondo la pronuncia di Marzio Maria Cimini.

A Galdinë Sabbatine

L’acque de la Pešcare è prufumatë
da quanne mamma mé ce s’ha specchiate;
e pë quésse la mitte a šta buttije
fatta come lu core de lu fije. Continua a leggere “Dialetto di Pescara”

Cesare De Titta

CdeTitta

Sacerdote, nacque a Sant’Eusanio del Sangro (Ch) nel 1862 e vi morì nel 1933. Studioso di letteratura classica e di filosofia, fu poeta in lingua, in latino e in dialetto abruzzese. Autore di una Grammatica della lingua viva (Carabba) e di una Grammatica della lingua latina, in dialetto pubblicò: Canzoni abruzzesi (1919), Nuove canzoni abruzzesi (1923), Gente d’Abruzzo (1923), Terra d’oro (1925), Acqua, foco e vento (1929). Tradusse in abruzzese la Figlia di Iorio e Le elegie romane di Gabriele D’Annunzio, del quale fu amico. Continua a leggere “Cesare De Titta”

Dialetto di Vasto

GAETANO MUROLO
(Vasto, Ch, 1858-1903)

Trasferitosi ad Ancona, fu impiegato presso le ferrovie. Poeta in lingua e in dialetto vastese, scrisse anche di narrativa e di teatro. Tra cose edite e inedite, ha scritto Ciamarèlle, cinquantatré sonetti (Anelli e Manzitti, Vasto 1898), ora in Sonetti dialettali (1886-98), a cura di T. Spinelli (Cannarsa, Vasto 1979). Di lui si sono occupati O. Giannangeli, G. Oliva, C. De Matteis, V. Moretti, F. Brevini. Continua a leggere “Dialetto di Vasto”

Cambuasciane, sande e riàulë

campobasso_campanile_s-_bartolomeo-e-minardi
Campobasso. Campanile San Bartolomeo. (foto di E. Minardi)

Cambuasciane, sande e riàulë di Stefano Di Maria, tradotto in dialetto campobassano da Rosaria Pietromonaco, dalla cui voce (Cambuasciane, sande e riàulë) viene qui trascritto in grafia DAM (scarica il manuale).

Nu cambuasciane re cinguand’anne, chélle che l’addummanne l’addummanne, t’arrespónne accušì: «M’arrecorde ca na ’ote, quanne javame uagliune, jeva tutta cambagne. Allore ne jeve cumm’e mmo. La cetà funije acquà e štavame sembe a jjucà mmieze a la vije, frabbecavame carrozze che le taccozze re ligname e le cuscenétte re le màchene; sennò štavame arrangecate ngoppe all’àrbere… e mammë, la bonalme, puurelle, z’arrajave cumm’e nnu cane.» Continua a leggere “Cambuasciane, sande e riàulë”

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe a pPeppa, XX

La massarije, z’arrecanósce, è chélle
ch’appare a la sulagne gghianghejate,
che té nd’all’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Castelmauro

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’estate?
Ché bella matina d’estate!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvenë jenestre e gerasule
e velë gghianghe de paranze
come a scenne de palómme. Continua a leggere “Dialetto di Castelmauro”