Dialetto di Patrica (FR)

1462381141_panorama__inviate_copia

La canzone che segue, opera di Peppino Vallecorsa, ha attirato la mia attenzione per alcune particolarità del suo dialetto.
A Patrica (FR), situata a circa dieci chilometri a Ovest di Frosinone, il cui dialetto ha ancora lo schwa, si parla già un dialetto di area mediana.
Più che la congiunzione ‘e’, la voce del verbo essere à ‘è’ o la metafonesi di tipo ciociaro (béglio, ócchi, chéllo, San Pétri), balzano agli occhi e all’udito gli esiti di -E finale in -o (’a uallo ‘la valle’, sólo ‘sole’, còro ‘cuore’, sempro ‘sempre’, gento ‘gente’, bèno ‘bene’, Cacumo ‘Cacume’, pajéso ‘paese’) e di E pretonica o in protonia in -u- (rupenzo RE- ‘ripenso’, ruspónna RE- ‘risponde’; tu uito TE ‘ti vedo’, tu sento ‘ti sento’, cu ppiòua ‘che piove’, mu sento ME ‘mi sento’, du pianto DE ‘di pianto’, pu lla ‘per la’). Un’eccezione, croci CRUCE(M) ‘croce’, dove la E esita in -i.

Pràtica

Aqquanno mu métto affattato a nnu muriglio,
aqquanno jé uito accómmo à bbella ’a uallo,
aqquanno tu uito d’attèra all’autostrada,
aqquanno tu sento parlà cu sta ncantata,
aqquanno cu ppiòua ajjécco à ttutto scuro,
acquanno ci sta i’ sólo ajjécco à bbéglio própia
mu sento i’ còro c’ajjécco batta sempro,
mu sento gli ócchi ca su nfónneno du pianto.

I ppenzo a pPràtica,
si’ cchéllo cu mmu manca, Pràtica,
à gli pajéso méjo Pràtica, à nna canzona
cu ssu ghiama, ghiama, ghiama, ghiama Pràtica.

Ularìa sta sempro ajjécco, Pràtica,
tu penzo i ttu rupenzo, Pràtica, ’a ggento téja
tu uò bbèno i ccanta i ddìcia i strilla Pràtica.
Aqquanno jé uito luntano Cauciano
i uuìto dalla Piazza ’a croci du Cacumo
i ppenzo alla Loja i ppenzo alla Ciuuitta,
jé cu cci ài campato pu ppoco tempo schitta,
sopo a sSan Pétri sòna i’ campanono,
attèra agli Frati ruspónna ’a campanella,
passa pu lla Strada ’a sedia du Sa rRocco
i ppiù ppassa i’ témpo i ppiù tu fai ppì bella.

I ppenzo a pPràtica,
si’ cchéllo cu mmu manca, Pràtica.
À gli pajéso méjo Pràtica, à nna canzona
cu ssu ghiama, ghiama, ghiama, ghiama Pràtica.

Ularìa sta sémpro ajjécco, Pràtica,
tu penzo i ttu rupenzo, Pràtica, ’a ggento téja
tu uò bbèno i ccanta i ddìcia i strilla Pràtica,
Nido du rundinella nfaccia agli sólo,
si’ ttutta bbella, bbella, bbella, bbellabbella… mbè!

Patrica. Quando mi metto affacciato a un muretto, / quando vedo come è bella la valle, / quando ti vedo giù dall’autostrada, / quando ti sento parlare con questa cadenza, / quando piove qui è tutto scuro, / quando c’è il sole qui è proprio bello / mi sento il cuore che qui batte sempre, / mi sento gli occhi che si bagnano di pianto. // E penso a Patrica, / sei quello che mi manca, Patrica, / è il paese mio Patrica, è una canzone / che si chiama, chiama, chiama, chiama Patrica. // Vorrei stare sempre qui, Patrica, / ti penso e ti ripenso, Patrica, la tua gente / ti vuole bene e canta e dice e grida Patrica. / Quando vedo lontano Calciano / e vedo dalla Piazza la croce di Cacume / e penso alla Loggia (1) e penso alla Civetta (2), / io che ci ho vissuto solo per poco tempo, / su a San Pietro suona il campanone, / giù dai Frati risponde la campanella, / passa per la Strada la sedia di san Rocco / e più passa il tempo e più ti fai più bella. // E penso a Patrica, / sei quello che mi manca, Patrica, / è il paese mio Patrica, è una canzone / che si chiama, chiama, chiama, chiama Patrica. // Vorrei stare sempre qui, Patrica, / ti penso e ti ripenso, Patrica, la tua gente / ti vuole bene e canta e dice e grida Patrica, / nido di rondinella in faccia al sole, / sei tutta bella, bella, bella, bellabella…sì!

(1) Porticato.  (2) L’aquila del Monumento ai Caduti.
_______

Testo e traduzione vengono forniti da Marcella Ciari e adattati alla grafia del sito. Cfr. Marcella Bufalini Ciari & Tarquinio Tolassi, L’Accademia dulla Sémmala. Voci patricane da non perdere, Patrica, Pro Loco, 2011. Per la pronuncia, oltre al contributo della Ciari, ci si è avvalsi del filmato postato su Youtube.

 

Annunci