Dialetto di Ceglie Messapica

PIETRO GATTI
A terra meje

chiesa_rurale_della_madonna_della_grotta_di_ceglie_messapica
Chiesa rurale della Madonna della Grotta (da Wikipedia)

’A terra mea bone,
come se disce a lle muerte de case,
c’angore vìvene atturne:
le rape forte e ambunne
d-a gramégne, ca na’ ppué scappà tutte sane,
scapuzzate a fatije, e po sobbe a lle mascere
d’appeccià u tiembe de fiche,
’a sera tarde, e šcattarizze de cardune
e vambe sembe cchiù jerte a serpiende de fueche
e iùcchele e zumbe de le peccinne,
ca u core te rite chjine de priesce
scurdànnese pe nnu picche.
– Le fafarazze none, p-a cuscine –. Continua a leggere “Dialetto di Ceglie Messapica”

Annunci

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al dialetto napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i dialetti del cosiddetto «volgare pugliese», comprendente il napoletano e i dialetti italici o ausònii, che insieme e più modernamente costituiscono i dialetti alto meridionali (DAM) o meglio, secondo la definizione dell’UNESCO, la «lingua napoletana» (classificata come seconda lingua d’Italia), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”