Dialetto di Bugnara

VITTORIO CLEMENTE

(Bugnara 1895 – Roma 1975)

76b6239ab3d59e8abf27801967772898_M

Poeta e scrittore di teatro. Durante la Prima guerra mondiale Ardengo Soffici gli affidò la redazione di un foglio di trincea. Fu insegnante elementare e successivamente ispettore didattico. Si occupò di folclore e di letteratura dialettale, in particolare di poesia romanesca e abruzzese. Continua a leggere “Dialetto di Bugnara”

Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

 

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Koinè abruzzese

Pescara_-_foce_del_Fiume_pescara_e_torre_municipio

Pescara

OTTAVIANO GIANNANGELI

È nato a Raiano (L’Aquila) nel 1923. Vive a Pescara, dove ha insegnato Lingua e letteratura italiana presso l’Università “Gabriele D’Annunzio”, occupandosi anche di critica letteraria. Ha fondato e condiretto la rivista “Dimensioni”. È poeta in lingua e in dialetto. Ha pubblicato: Lu libbre d’Ottavie (Sulmona, 1979); Arie de la vecchiaie (Nova Italica, Pescara 1989); Lettera alla posterità in “L’Italia sotto sequestro” (ivi 1990); Litanie per Marin ed altri versi in abruzzese, in “Diverse Lingue” (n. 10, 1991). Continua a leggere “Koinè abruzzese”

Cesare De Titta

CdeTitta

Sacerdote, nacque a Sant’Eusanio del Sangro (Ch) nel 1862 e vi morì nel 1933. Studioso di letteratura classica e di filosofia, fu poeta in lingua, in latino e in dialetto abruzzese. Autore di una Grammatica della lingua viva (Carabba) e di una Grammatica della lingua latina, in dialetto pubblicò: Canzoni abruzzesi (1919), Nuove canzoni abruzzesi (1923), Gente d’Abruzzo (1923), Terra d’oro (1925), Acqua, foco e vento (1929). Tradusse in abruzzese la Figlia di Iorio e Le elegie romane di Gabriele D’Annunzio, del quale fu amico. Continua a leggere “Cesare De Titta”

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe a pPeppa, XX

La massarije, z’arrecanósce, è chélle
ch’appare a la sulagne gghiangheiate,
che té nd’all’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Fossalto

EUGENIO CIRESE

Camina

Da ngoppa all’úorte
sembrava na furmica
pe ru tratture.
Annanze e arräte
matina e ssera:
a scégne la matina,
a rrenghianà la sera
sudate e sctanghe,
la zappa ngúolle
e pädë nnanze päde, tranghe tranghe. Continua a leggere “Dialetto di Fossalto”

Dialetto di Castelmauro

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’estate?
Ché bbella matina d’estate!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvenë jenestre e gerasulë
e velë ghianghë de paranze
come a scenne de palómme. Continua a leggere “Dialetto di Castelmauro”