Dialetto di Bugnara (Aq)

VITTORIO CLEMENTE

(Bugnara 1895 – Roma 1975)

76b6239ab3d59e8abf27801967772898_M

Poeta e scrittore di teatro. Durante la Prima guerra mondiale Ardengo Soffici gli affidò la redazione di un foglio di trincea. Fu insegnante elementare e successivamente ispettore didattico. Si occupò di folclore e di letteratura dialettale, in particolare di poesia romanesca e abruzzese. Continua a leggere “Dialetto di Bugnara (Aq)”

Annunci

Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

 

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Koinè abruzzese

Pescara_-_foce_del_Fiume_pescara_e_torre_municipio

Pescara

OTTAVIANO GIANNANGELI

Ottaviano Giannangeli (Raiano, 20 giugno 1923 – Sulmona, 17 dicembre 2017), poeta in lingua e in dialetto, romanziere e critico letterario, visse a lungo a Pescara, dove insegnò Lingua e letteratura italiana presso l’Università “Gabriele D’Annunzio”. Fondò e condiresse la rivista “Dimensioni”. Come poeta, al dialetto di Raiano (Aq), suo borgo natìo, preferì la koinè abruzzese, che è, si può dire, la varietà linguistica di Pescara. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Lu libbre d’Ottavie (Sulmona, 1979); Arie de la vecchiaie (Nova Italica, Pescara 1989); Lettera alla posterità in “L’Italia sotto sequestro” (ivi 1990); Litanie per Marin ed altri versi in abruzzese, in “Diverse Lingue” (n. 10, 1991). Continua a leggere “Koinè abruzzese”

Cesare De Titta

CdeTitta

Sacerdote, nacque a Sant’Eusanio del Sangro (Ch) nel 1862 e vi morì nel 1933. Studioso di letteratura classica e di filosofia, fu poeta in lingua, in latino e in dialetto abruzzese. Autore di una Grammatica della lingua viva (Carabba) e di una Grammatica della lingua latina, in dialetto pubblicò: Canzoni abruzzesi (1919), Nuove canzoni abruzzesi (1923), Gente d’Abruzzo (1923), Terra d’oro (1925), Acqua, foco e vento (1929). Tradusse in abruzzese la Figlia di Iorio e Le elegie romane di Gabriele D’Annunzio, del quale fu amico. Continua a leggere “Cesare De Titta”

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe a pPeppa, XX

La massarije, z’arrecanósce, è chélle
ch’appare a la sulagne gghianghejate,
che té nd’all’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Fossalto

EUGENIO CIRESE

Camina

Da ngoppa all’úorte
sembrava na furmica
pe ru tratture.
Annanze e arrête
matina e ssera:
a scégne la matina,
a rrenghianà la sera
sudate e štanghe,
la zappa ngúolle
e pêdë nnanze pêde, tranghe tranghe. Continua a leggere “Dialetto di Fossalto”

Dialetto di Castelmauro

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’estate?
Ché bella matina d’estate!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvenë jenestre e gerasule
e velë gghianghe de paranze
come a scenne de palómme. Continua a leggere “Dialetto di Castelmauro”

Dialetto di Vittorito

PIETRO CIVITAREALE

Nu sole rusce

Nu sole rusce
déndre a jju giardéine.

I màtremë che dàivë
i chelìure a i fiore,
i pàtremë che letecàivë
che i ciejje. Continua a leggere “Dialetto di Vittorito”