Dal grano al pane

DAL GRANO AL PANE. LA TRADIZIONE DI MATTINATA

Francesco Granatiero

12112182_1045045438839971_6599855912899250277_n

Dal grano raccolto si metteva da parte (pe semendë) quello da seminare l’anno dopo. Allora le donne ne versavano un mucchio su una spianatoia (u taulíre), così da stenderne con la mano uno strato sottile davanti agli occhi, per riconoscere e togliere (cunzé u irene) i semi di loglio (u scjúgghie) o di altre erbe infestanti, in genere piccoli, rotondi e più o meno scuri (i cecerídde). Continua a leggere “Dal grano al pane”

Spija nGele

Spija-nGele-copertinaLUIGI IANZANO (San Marco in Lamis 1975), laureato in legge, docente di scienze giuridico-economiche, francescano secolare, con il volumetto Spija nGele, «Scruta il Cielo» (2016), si sgancia dai temi più strettamente legati al paese e alla poesia più tipicamente dialettale del suo precedente più importante Tarànta mannannéra, «Taranta messaggera» (2005), per privilegiare i temi della famiglia e degli affetti e in modo particolare quello della fede, su cui è incentrata l’ode epico-religiosa Come ce mbizza la cèreva, «Come si porta la cerva», la quale ha come Leitmotiv lo stupore per ciò che Dio opera fuori e dentro l’uomo. Continua a leggere “Spija nGele”

Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

 

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Dialetto di Alberobello

Lu fatte de nu peccinne sciupàune

N’òmene teneie du figghie. E u cchiù peccinnë disse all’attene: «Attene mìje, damme ’a rrobbe ca m’aspette». E jidde spartì tra de lore ’a rrobbe. Doppe nu picche de dije, puóste nzieme tutte u soue, u figghie cchiù peccinnë se ne scî pe nu pajise lundene. Addaue, facenne na vite da sciupàune, cunzemì tutte ’a rrobba saue. Quanne fenije tutte, jinde a cure pajese ce fu na granne carestije. Jidde accumenzì a pruuà ’a mesèreie. Continua a leggere “Dialetto di Alberobello”

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere alla lingua napoletana – tale per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i dialetti del cosiddetto «volgare pugliese», comprendente il napoletano e i dialetti italici o ausònii, che insieme e più modernamente costituiscono i dialetti alto meridionali (DAM), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”

Omaggio a Leopardi

LU SÀBBETE PAJESÉNE

La cacchiungedde vene da ngambagne,
a llu calé dlu sòule,
pe nna vrazzéta d’erve; e porte mmene
nu mazzette de rose e de veiole,
aggiocca quann’è créie
pla feste ce azzemèisce,
accume vole, u pítte e ’a capeddine.
Assettéte a u candòune pli vvecine
file la vecchiaredde,
pe ll’úcchie a u quarte che lu júrne more;
e accónde de lu tímbe quanne iésse
a i ffíste ce arremèive,
e angore sene e belle,
abballèive la sèire pli cumbagne.
Già ce fé scurde l’arie, e torne adzurre
lu sseréne, e già tòrnene i mmurèisce
abbasce da li ccoppe e da li titte,
a lla lustre che fé la luna chièine.
Mo sone la cambéne
ca già vene la feste;
e a cuddu súne u core
pere ca sté cundende.
I uagnune vurlenne
nde la chiazzette a mórre,
e cqua e ddà zumbenne,
fanne belle ammujine;
e ndande torne a lla buffetta sòue,
fresckenne, lu cafòune, e nghepe a isse
penze ca mo ch’è créie ce refine.

Po’ quanne atturne ce stute gni llustre,
e gningòuse sté citte,
sínde vatte u martídde, sínde u mastre
pla seche, respegghiéte
ndla putéia serréte, a u lume ad úgghie,
che ce adopre e ce mbégne
ca la fatije all’àleve cunzégne.

Cusse de la summéne è u megghie júrne,
chjine de spranza iranne e de prescjézze:
quann’è cré scundandézze
e abbuttamínde, gnune dla fatije
già sende lu talúrne.

Vagnòune prescjanídde
ssa uagnunanza tòue
è nu júrne de prísce, chjine chjine,
júrne chiere, turchine,
ch’andìcepe la fest la vita tòue.
Vúde, vagnòune mie; tímbe jalande,
stascjòune allérie è quésse.
Àlete nde vòi dice; nn-avé fódde,
la festa tòu, sepure arrive tarde,
pe ttè ne nvole ièsse mé pesande.

Francesco Granatiero