Dal grano al pane

DAL GRANO AL PANE. LA TRADIZIONE DI MATTINATA

Francesco Granatiero

12112182_1045045438839971_6599855912899250277_n

Dal grano raccolto si metteva da parte (pe ssemende) quello da seminare l’anno dopo. Allora le donne ne versavano un mucchio su una spianatoia (u taulíre), così da stenderne con la mano uno strato sottile davanti agli occhi, per riconoscere e togliere (cunzé u iréne) i semi di loglio (u sciúgghie) o di altre erbe infestanti, in genere piccoli, rotondi e più o meno scuri (i cecerídde). Continua a leggere “Dal grano al pane”

Annunci

Spija nGele

Spija-nGele-copertinaLUIGI IANZANO (San Marco in Lamis 1975), laureato in legge, docente di scienze giuridico-economiche, francescano secolare, con il volumetto Spija nGele, «Scruta il Cielo» (2016), si sgancia dai temi più strettamente legati al paese e alla poesia più tipicamente dialettale del suo precedente più importante Tarànta mannannéra, «Taranta messaggera» (2005), per privilegiare i temi della famiglia e degli affetti e in modo particolare quello della fede, su cui è incentrata l’ode epico-religiosa Come ce mbizza la cèreva, «Come si porta la cerva», la quale ha come Leitmotiv lo stupore per ciò che Dio opera fuori e dentro l’uomo. Continua a leggere “Spija nGele”

Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Dialetto di Alberobello

Lu fatte de nu peccinne sciupaune

N’òmene tenéie du’ figghie. E u cchiù ppeccinne disse all’atténe: «Atténe mie, damme ’a rrobbe ca m’aspette». E jidde spartì tra de lore ’a rrobbe. Doppe nu picche de die, puóste nziéme tutte u sóu, u figghie cchiù ppeccinne se ne scì pe nu pajise lundéne. Addàu, facenne na vite da sciupaune, cunzemì tutte ’a rrobba sau. Quanne fenìe tutte, jinde a cure pajése ce fu na granne carestìe. Jidde accumenzì a pruuà ’a mesèreje. Continua a leggere “Dialetto di Alberobello”

La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM), i quali formano la cosiddetta «lingua napoletana» (UNESCO), che per numero di parlanti rappresenta la seconda lingua d’Italia. In essa rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la cui scrittura bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)”

Omaggio a Leopardi

LU SÀBBETE PAJESENE

La cacchiungedde vene da ngambagne,
allu calé dlu sòule,
pe nna vrazzeta d’erve; e porte mmene
nu mazzette de rose e de vejole,
aggiocca quann’è créje
pla feste ce arremèisce,
accume vole, u pítte e ’a capeddine.
Assettete a u candòune pli vvecine
file la vecchiaredde,
pe ll’úcchie a u quarte che lu júrne more;
e accónde de lu tímbe quanne jésse
a i ffíste ce azzemèive,
e angore sbrengaredde
abballèive la sèire pli cumbagne.
Ggià l’arie ce ammurnisce,
torne addsurre u sserene, e lli mmurèisce
asçénnene da i ccoppe e i titte abbasce,
a u bbianghescé dla lune appene assute.
La cambene dé segne
de la feste che vene;
e a cuddu súne u core
pere ca sté cundende.
I uagnune vurlenne
nde la chiazzette a mórre,
e cqua e ddà zumbenne,
fanne bbelle ammujine;
e ndande torne alla bbuffetta sòu,
fresckenne, lu cafòune, e nghepe a-j isse
penze ca mo ch’è créje ce refine.

Po’ quanne atturne gni llustre ce stute,
e gningòuse sté mute,
sínde u martídde vatte, sínde u mastre
che végghie pe la seche a u lume ad úgghie
ndla puteja serrete,
e ce adopre e ce mbégne
ca la fatije all’àleve cunzégne.

Cusse de la summene è u megghie júrne,
chjine de spranza iranne e de prescézze:
quann’è cré scundandézze
e abbuttamínde, gnune dla fatije
ggià sende lu talúrne.

Vagnòune prescianídde,
ssa uagnunanza tòu
è nu júrne de prísce, chjine chjine,
júrne chiere, turchine,
c’alla feste la vita tòu vé nnande.
Vúde, vagnòune mie; tímbe jalande,
stasciòne allérie è quésse.
Àlete n-de vòie dice; nn-avé fódde,
la festa tòu, sepure arrive tarde,
pe ttè nen vole jesse mé pesande.

Francesco Granatiero

Proverbi garganici sull’asino

983967_388374971281708_881919623_nAsini barili Gli asini litigano e i barili si sfasciano. M5 (FG) I ciucce fanne allite (AP ce fràcchene, C ce asçiàrrene, M3 ce affèrrene, P fanne alléitee i varrile ce sfàsçene. MF I ciócce fanne allïte e i varrïle ce sfàsçene. SG Li ciucce ce tòzzene (si cozzano) e lli varrile ce sfàsçene. SM Li ciucce ce sçèrrene e lli varile ce sfàsçene. SN I ciucce ce vàttene (si battono; SN1 ce scòrnene, si scornano; SN3 ce ràttene, si grattano) e i varile ce sfàsçene. SS I ciucce fanne a sciarre e i varile ce sfàsçene. I ciucce ce dànne e i varrile ce sfàsçene. VG Dd’àsene ce asçiàrrene e i varröile ce sfàsçene. Cfr. BA Le ciucce s’arràghene e le varrile se sfàsçene. NA ’E ciucce s’appìccecano e ’e varrile se scàssano. Di conseguenze che ricadono su chi non ne ha colpa. Le liti dei genitori le scontano i figli. Continua a leggere “Proverbi garganici sull’asino”

Michele Vocino: nel “nóstos” il segreto di uno scrittore a tutto tondo

di Francesco Granatiero

Michele Vocino è nato a Peschici il 27 settembre 1881 da Giacomo, che, appena ventenne fu con Garibaldi a Bezzecca, dove riportò una ferita in combattimento, e da Blandina Libetta, figlia del comandante della prima nave a vapore che varcò il Mediterraneo, ossia di quel Libetta poi deputato al Parlamento napoletano. Per di più tra gli antenati di Blandina c’era il grande filosofo, storico e giurista Pietro Giannone. (1)

Continua a leggere “Michele Vocino: nel “nóstos” il segreto di uno scrittore a tutto tondo”

Vestigia slave nel dialetto di Peschici

di FRANCESCO GRANATIERO

Scazecavazze, ‘cavalletta’, voce di origine slava [serbocr. skakavac (pronuncia skàkavats) ‘locusta’]. Forse nessuna parola peschiciana ricorda il profeta sant’Elia come questa. Scazecavazze, la parola che volò di bocca in bocca quando una nuvola nera di cavallette oscurò Peschici, ingoiando ogni cosa. Scazecavazze, un’implosione fono-simbolica di tutta l’ira di Dio. Scazecavazze, la parola del miracolo di Sant’Elia, che per mezzo di un fortissimo vento di libeccio, ammucchia due palmi di cavallette morte su tutta la spiaggia da cui il paese ha nome. Continua a leggere “Vestigia slave nel dialetto di Peschici”