Dialetto di Vico del Gargano (FG)

vico_del_gargano_panorama
Vico del Gargano (Foto di R. Afr.)

Ce decive a Båichë

I pruuèrbie andåiche
ièvene poiète:

iè megghië na penzäte
ché cendë fategäte;
u médeche sta a spasse
quanne u càule fa fragasse;
quanne tande e quannë nende;
quésse e nendë sò parendë…

Ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë.

Melàngune e melóunë
hann’a iesse de stascjóune;
addùue arråve arråive
föcche lu streppóune;
magne a pùjenë e ciambäte
ché ce sta n’atra pegnäte;
e pë l’arte Mechelasse
magne e bivë e staje nzullazze…

Ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë.

Manghe våde ’a serpe
e ggià dåce san Bàule;
pråime magne grazzie de Ddåie
e ppo te cäche Deiàule;
u pesce puzze d’a cäpe;
chi te säpe po te gräpe;
aväscene i sardelle
e ppo u bbaccalà va nderre…

Ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë.

Si diceva a Vico. I proverbi antichi erano di poeti: è meglio una pensata che cento faticate; il medico sta a spasso quando il culo fa fracasso; quando tanto e quando niente; questo e niente son parenti… Si diceva a Vico…: Cetrioli e meloni devono essere di stagione; dove arrivi pianta lo stecco; mangia a pugni e giumelle, ché ci sta un’altra pignatta; e con l’arte di Michelaccio mangi e bevi e ti sollazzi… Si diceva a Vico…: Neanche vede la serpe e già chiama san Paolo; prima mangia grazia di Dio e poi caga Diavoli; il pesce puzza dalla testa; chi ti sa ti apre; ribassano le sardelle e il baccalà va a terra… Si diceva a Vico…

Fonte

Trascrizione del dialetto secondo il manuale Scrivere la lingua madre