Dialetto di Vieste (FG)

vieste-puntasan-francesco da Eden Puglia ..

Vieste. Punta San Francesco. Immagine tratta da Eden Puglia.

VENTI PROVERBI

L’amore forte no nganosce nè lúochë nè sortë.
L’amore forte non conosce né luogo né sorte. (L’amore è cieco).

L’amore e ll’affette vènene da la sacchette.
L’amore e l’affetto vengono dalla tasca.

Stipe ngidde chè trúove capetöne.
Conserva anguille che trovi capitoni. (Ciò che oggi ti sembra poco domani potrebbe essere provvidenziale).

L’ànema depinde ce cundanne da söle.
L’anima macchiata dal peccato si condanna da sola.

Poch’anne e poca malìdzie.
I bambini non hanno malizia.

Cöme ce fa? – Accöme facèvene l’andiche: prime la scorze e doppe la muddiche.
Come si fa? – Come facevano gli antichi: prima la scorza e dopo la mollica.

Aprile faje guardà u cenarile.
Aprile fa guardare il focolare. (Spesso in aprile fa molto freddo).

Arche de matine, se ne nghiöve gósce, chiöve crammatine.
Arcobaleno di mattina, se non piove oggi, piove domattina.

Renga vecchie e renga növe sonne tutte nu chelöre.
Aringa vecchia e aringa nuova sono tutte dello stesso colore. (Una volta mescolate si confondono).

Arte pe arte e i pècure a u lupe.
Ognuno alla sua arte e alle pecore ci pensa il lupo.

L’arte de tëte è medze mbarëte.
Il mestiere del babbo è mezzo imparato.

L’arte d’u ualëne è arta cevile: porte l’arëte mmëne e u uöve tire.
Il mestiere dell’aratore è un’arte civile: lui guida l’aratro ma chi tira è il bue.

L’arte l’hâ fà chi è use.
L’arte deve farla chi è del mestiere.

L’artiste tëne u pëne jinde u canistre.
L’artigiano ha il pane nel canestro. (Ce l’ha, ma ne ha poco).

I ciucce ce dànne e i varrile ce sfàscene.
Gli asini litigano e i barili si sfasciano.

Chi tëne renne, chi no ndëne i píete stenne.
Chi ha rende, chi non ha i piedi stende. (La ricchezza porta altra ricchezza, la miseria altra miseria).

Chi avvise möre accise.
Chi avvisa muore ucciso.

Varca rotte e cunde fatte.
Barca rotta e conti fatti.

Öme curte e fèmmena chiatte hê fà quarandaquatte vòlete u patte.
Con uomo corto e donna tarchiata devi fare quarantaquattro volte il patto. (Non c’è da fidarsi).

Pìgghiete u búone quanne vëne, chè u malamende non manghe mëje.
Pigliati il buono quando viene, ché il male non manca mai.

________

Da F. Granatiero, Rére ascennenne (“Da antica tradizione”). Dizionario tassonomico dei proverbi garganici, Foggia, Grenzi, 2002.