Nota grafica

Quello di Mattinata e Monte Sant’Angelo (FG) è un dialetto apulo-garganico. Viene scritto secondo le regole dei dialetti alto meridionali (DAM). Cfr. il manuale Scrivere la lingua madreSi legge come l’italiano, con alcune eccezioni:

e atono (propriamente ë o ә), suono evanescente (francese petit), tranne quando è iniziale (e, eppure). È del tutto muto (non fa sillaba) in -ie finale preceduto da vocale tonica senza accento (duie, fanoie).

e, o tonici, aperti in sillaba chiusa (sette [sèttә], scorze [scòrzә]) e chiusi in sillaba aperta (amore [amo:rә], mo [mo], primavere [primave:rә]).

è, ò aperti (it. festa; it. notte).

é, ó chiusi (it. sera; it. sole).

í (propriamente íә) dittongo chiuso e lungo, percepito come monottongo (simile alla i dell’it. mio): la í di vínde < víende < lat. VENTU(M) ‘vento’ ha un suono diverso dalla i di vinde < lat. VIGINTI ‘vénti’.

ú (propriamente úә) dittongo chiuso e lungo, percepito come monottongo (simile alla u dell’it. tuo): la ú di cúdde < cúedde < cúodde < lat. COLLU(M) ‘collo’ ha un suono diverso dalla u di cudde < lat. (EC)CU(M I)LLU(M) ‘quello’.

i (ı,ì) aperto; alterato (quasi éi) in parole come viteaulivepedecine.

u (ù) aperto; alterato (ëu) in parole come mulefeleture.

ö suono di che tende a e (töu ‘tuo’).

j come in Juve, tranne in scj, dove è un puro segno grafico (scjusce ‘soffio’). 

h(u) suono di u semiconsonante (huine [u wwi:nә] ‘il vino’, ahulive [awuli:vә] ‘ulivo’).

b, g  iniziali rafforzati.

š, sc(k)   s del napoletano scala (šcume ‘schiuma’, friscke ‘fresco’).

sc(i)  come nell’it. striscia, tranne a fine parola dopo sillaba accentata (scjenìsce ‘cinigia’, murèisce ‘ombra’), dove suona come scj.

scj, sc(ı)   sci del napol. busciardo (stascjòune ‘stagione’, scı’ ‘andare’).

s sordo (it. sale e mese), tranne nei nessi automatici sb, sd, sg, sm, sn.

s- sordo davanti a r (s-ruuidzie ‘servizio’).

z sordo (it. marzopazzo), tranne dopo n (it. pranzo).

dz zeta sonoro (it. garza azzurro) di grado rafforzato (addzurre) o medio (jardzòune).

La parola non accentata s’intende piana.

Il rafforzamento fonosintattico (lu ppene ‘il pane’, li mmene ‘le mani’) è sottinteso solo nelle parole in (pe sembë = pe ssembe) e in quelle precedute da A o E (A tè E mè = a-ttè e-mmè).

L’aferesi di parole difettive della forma intera fa a meno dell’apostrofo, anche perché riconoscibile per l’iniziale doppia (Ddije ‘Iddio’, mmèice ‘invece’, nnindre ‘in dentro’, ddà lat. ILLAC) o per l’inizio in n/m + consonante (n-denne ‘non hanno’, Ndonie ‘Antonio’, ngusce  ‘angoscia’ ‘odio’ ‘invidia’, mbítte ‘in petto’).

__________

Per la grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM) v. GRAFIA DAM

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...