Scrivere la lingua madre

SCRIVERE LA LINGUA MADRE

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-

Annunci

Dialetto di Barrea (Aq)

Lago di Barrea (Aq) - Foto di Sogeking
Lago di Barrea (Aq) – Foto di Sogeking

U ceglióne

A mmi m’é cresciute mamma Sctélla! I’ sctéva sembe alla casa sé. N-zacce quand’anne tenéva, ma èra pìccula! Quande nu jurne me menétte mmende d’addummanarce: «Mamma Scté, ma tu la si’ viscta la cicógna quande m’é purtate a mmi?»

A quande ca ze ne sçétte e me fa: «Jih, sia fatta la vulendà de Ddi’! La cicógna a tti! a tti t’é purtatu u ceglione!».

«E cché è u ceglione, mamma Scté?»

«Eh, è u ceglione», me respunnétte.

Mah!, inzómma i’ purtéva sembe le denucchiélla scurtecate pe jì uardenne ped aria a vedé se ppasséva sctu cacchie de ceglione, ca a mende mé era nu céglie grósse!
Eh mmica è fenuta ècche! N’òte jurne scteva che mmamma, che ze scteva a peglià u café che ll’amiche sé, e sctévane a pparlà de quande allattévane i figlie. Mò i’ arrecchiéva, e a nu certe punte decéi: «Mà, com’era i’ quande m’allattive?»

Chél’ota pe ffalla cchiù bbella a quande ca ze ne sçétte e me respunnétte: «Va’ addummannà alla vacca, ca chéla t’é allattate a tti, i’ che nne sacce?»

Mbè, a mmi me ze cumenzirne a ndruvedà le cerevella, e quande jéva a pazzià che j’òte uagliunitte, penzéva sembe: Ma chiscte le saparrave ca a mmi m’é purtate u ceglione e m’é ’llatate la vacca?»

Mbè, mo le sapete pure vu’ pecché Rosa Maria è sciuta fòre accuscì, nn’è ccólpa mé!»

 

L’uccellone

A me m’ha cresciuto mamma Stella! Io stavo sempre a casa sua. Non so quanti anni avevo, ma ero piccola. Quando un giorno mi venne in mente di domandarle: “Mamma Stella, ma tu l’hai vista la cicogna quando ha portato a me?”

A quel punto lei se ne uscì e mi fa: “Iih, sia fatta la volontà di Dio, la cicogna a te? A te ti ha portato l’uccellone”.

“E cos’è l’uccellone, mamma Stella?»

“Eh, è l’uccellone”, mi rispose.

Mah! Insomma io avevo sempre le ginocchia sbucciate, perché andavo guardando per aria per vedere se passava questo cacchio di uccellone, che nella mia mente era un grosso uccello!

E mica è finita qui! Un altro giorno ero con mamma, che stava prendendo il caffè con le sue amiche e stavano parlando di quando allattavano i figli. Allora io ascoltavo e, a un certo punto, dissi: “Ma’, com’ero quando mi allattavi?”

Quella, per farla più bella, se ne uscì rispondendomi: “Vai a chiedere alla vacca, perché quella ti ha allattato a te, io che ne so?”

Beh, a me cominciò a intorbidirsi il cervello e, quando andavo a giocare con gli altri bambini, pensavo sempre: Ma questi lo sapranno che a me mi ha portato l’uccellone e mi ha allattato la vacca?

Beh, ora lo sapete anche voi perché Rosa Maria è uscita fuori così, non è colpa mia!

Audio: Rosa Maria Scarnecchia. Collaboratore: Elio Flagiello. Materiale inviato da Mario Marchionna. Trascrizione con adattamenti.

Giuseppe Rosato

giuseppe-rosatoGiuseppe Rosato

GIUSEPPE ROSATO (Lanciano Ch 1932) è poeta in lingua e in dialetto, narratore, giornalista e critico letterario. Ha insegnato Lettere e lavorato ai servizi culturali della RAI. In lingua ha dato alle stampe una decina di libri in versi, tra cui L’acqua felice (Schwarz, 1957), La vergogna del mondo (Manni, 2003) e Le cose dell’assenza (Book, 2012), e una decina in prosa, tra cui Vedere la neve (Carabba, 2011), La neve al cancelletto di partenza (Manni, 2008) e Piccolo dizionario di Babele (Stilo, 2009). In dialetto ha pubblicato: La cajola d’ore (CET, 1956), Ecche lu fredde (Riccitelli, 1986), Ugn’addó (Grafica Campioli, 1991), L’ùtema lune, pref. F. Loi (Mobydick, 2002), E mó stém’accuscì (I libri del Quartino, 2003), La ’ddòre de la neve, pref. G. Tesio (Interlinea, 2006), Lu scure che s’attònne (Raffaelli, 2009), La nève (Carabba, 2010), È tempe (Raffaelli, 2013). Continua a leggere “Giuseppe Rosato”

Dialetto di Bugnara (Aq)

VITTORIO CLEMENTE

(Bugnara 1895 – Roma 1975)

76b6239ab3d59e8abf27801967772898_M

Poeta e scrittore di teatro. Durante la Prima guerra mondiale Ardengo Soffici gli affidò la redazione di un foglio di trincea. Fu insegnante elementare e successivamente ispettore didattico. Si occupò di folclore e di letteratura dialettale, in particolare di poesia romanesca e abruzzese. Continua a leggere “Dialetto di Bugnara (Aq)”

Dialetto di Raiano

UMBERTO POSTIGLIONE

Umberto_Postiglione
Umberto Postiglione

Nato a Raiano (Aq) nel 1893, si diplomò in ragioneria. Visse a Los Angeles e a San Francisco, dove lavorò, tra l’altro, come operaio, redattore di giornale, bibliotecario, ragioniere. Anarchico, fu costretto a lasciare il Nord America, e andò in Perù, in Brasile, in Argentina. Nel 1919 tornò in Italia e prestò il servizio militare. Nel 1922, abilitato all’insegnamento elementare, aprì una scuola serale a Raiano. L’anno successivo insegnò a San Demetrio dei Vestini (Aq), dove morì di polmonite nel 1924, prima della fine dell’anno scolastico.
Di lui uscì postuma Antologia (Raiano 1960), edita a cura e con traduzioni di Ottaviano Giannangeli, la cui pronuncia viene seguita per la trascrizione. Continua a leggere “Dialetto di Raiano”

Koinè abruzzese

Pescara_-_foce_del_Fiume_pescara_e_torre_municipio

Pescara

OTTAVIANO GIANNANGELI

Ottaviano Giannangeli (Raiano, 20 giugno 1923 – Sulmona, 17 dicembre 2017), poeta in lingua e in dialetto, romanziere e critico letterario, visse a lungo a Pescara, dove insegnò Lingua e letteratura italiana presso l’Università “Gabriele D’Annunzio”. Fondò e condiresse la rivista “Dimensioni”. Come poeta, al dialetto di Raiano (Aq), suo borgo natìo, preferì la koinè abruzzese, che è, si può dire, la varietà linguistica di Pescara. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Lu libbre d’Ottavie (Sulmona, 1979); Arie de la vecchiaie (Nova Italica, Pescara 1989); Lettera alla posterità in “L’Italia sotto sequestro” (ivi 1990); Litanie per Marin ed altri versi in abruzzese, in “Diverse Lingue” (n. 10, 1991). Continua a leggere “Koinè abruzzese”