Ije aulive

Ije aulive | Io ulivo

Annunci

Addòure

N’addòure a ll’àneme dé refine:
sonne li rrosamarine
pe ll’epe ad ogni fiòurë,
sonne i mmacchie de rúsele,
l’àruele i zappine,
lu tume che nnammòure…
Me nàzzeche u remòure
de l’ónne dla marine.

Avaste cussu scjúche!
Líve i mméne da nanda l’úcchie mije!
Asse ca m’arrecrije
la lustre de ssu lúche.

Odore. Un odore all’anima dà respiro:/ è il rosmarino/ con le api ad ogni fiore,/ sono i cespugli del cisto,/ gli alberi di pino,/ il timo che innamora…/ Mi culla col rumore/ l’onda della marina.// Basta con questo gioco!/ Via le mani davanti agli occhi miei!/ Lascia che mi ricrei/ la luce di questo luogo. (Francesco Granatiero)

Dieci poesie per Mattinata

Foto di Antonio Lupoli

Francesco Granatiero, Dieci poesie per Mattinata

A chi mi chiedesse che cosa è per me Matenete, Mattinata, io ora non saprei rispondere, o non vorrei. Un bavaglio di pudore, na scclocche, una mordacchia, mi impedirebbe la parola, perché dovrei parlare di me, della mia gioia, ma soprattutto del mio disagio. Dovrei fare i conti con ciò che ho perduto nell’adolescenza, dopo e dopo ancora, con ciò che il mio cuore – non sia greve – può oggi riportare, dal fondo di una grava, al suo paese. Continue reading “Dieci poesie per Mattinata”

Da “Bbommine”

NINNANANNE…

Ninnananne, ninnavole,
la jaddine è morte sòpa l’ove,
c’è morte mamme e Rosanne
è rumese sòla sòule.

Ninnananne, ninnavole,
la Madonne la vole addorme
a ssa uagnòune de sé janne
rumese assenza mamme.

Ninnananne, ninnavole,
c’è ’ddermute Rosanne
e mo nge sté madonne
che ce nàzzeche e cande
ninnananne, ninnananne.

Ninnananna… – Ninnananna, ninnavuole, la gallina è morta sulle uova, è morta mamma e Rosanna è rimasta sola. Ninnananna, ninnavuole, la Madonna l’addormenti, questa bimba di sei anni rimasta senza mamma. Ninnananna, ninnavuole s’è addormentata Rosanna e ora non c’è madonna che ci culli e canti ninnananna, ninnananna.

 

LA MACERE…

La macere che serrèive u jaddenere,
la cruste la pescine, u frabbechete,
lu pannòune ou sceume a fé u s-ruuìdzie
sonne cragne de prete e ruutele.
Li ffrónne u cíleze, gialle, arrappete,
pla mmannature sécche e appezzecòuse.

Ma nd’u uaddòune stanne i marjanete.
Mbaccia l’àruele, pésele o senghete,
lùcene nd’a frunne d’òure.
Sté’ cundende, sora mèje. Nda l’arie,
lu ninne mbrazze, accunde
li stigghie nd’u pannòune e u pannungídde,
lu chetugne, u furnídde, cuddu mure
pla scalédde, lu fússe i lucce, i cùpere
e accúste, sop-la ripe,
la macchie de murtedde.

 

La muriccia… – La muriccia che chiudeva il pollaio, la crosta della cisterna, il fabbricato, l’antro dove andavamo a fare i bisogni sono ammassi di pietre e rovi. Le foglie del gelso, gialle, rugate, per la fumaggine secche e appiccicose. Ma nel vallone stanno le melegrane. Sull’albero, intatte o segnate, lucono tra foglie d’oro. Sei contenta, sorella. Nell’aia, il bimbo in braccio, narri gli attrezzi nella spelonca ed il grottino, il cotogno, il piccolo forno, quel muro con la scaletta, il fosso dei conigli, le arnie e a lato, sulla roccia, la pianta del mirto.

 


NINNAVOLE…

Ninnavole, ninnananne,
c’è morte la jaddine
pe tuttë li pulecine,
c’è múrte Mechele pe Rosannë.

Ninnavole, ninnananne,
la Madonne lu uole addorme
a ssu uagnòune de n’anne
rumese senz’attene e senza mamme.

Ninnavole, ninnananne,
madonne! c’éi repenzete,
àlete nn-addumanne,
è megghie ca rumene respegghiete!

 

Ninnavuole… – Ninnavuole, ninnananna, è morta la gallina con tutti i pulcini, è morto Michele con Rosanna. Ninnavuole, ninnananna, la Madonna l’addormenti, questo bimbo di un anno rimasto senza padre e senza mamma. Ninnavuole, ninnananna, madonna! ci ho ripensato, altro non domando, è meglio che resta sveglio!

Da: Francesco Granatiero, Bbommine [Asfodelo/Bambino], pref. di Franco Pappalardo La Rosa, Novi Ligure, Joker, 2006.

Bbommine, asfodeli, fiori d’asfodelo, è parola polisemica, per questo eponima del volumetto, preferita al sinonimo alevuzze, che è il lat. *albuceus, da albus, bianco. Indica il fiore dei morti (come l’asfodelo nel mondo greco e latino) ed è emblema della vita (u bbommine è anche “il bambino” e, per antonomasia, “il Bambino Gesù”).

Ninnananne… e Ninnavole… sono state scritte ricordando la poesia in lingua Ninnananna, dedicata a mia sorella Rosa Anna e pubblicata in Sul mare i lembi senza cimose, Manfredonia 1967. Alla sua nascita è dedicato anche il poemetto La bbèlla nóve, contenuto nel libro Iréve [Voragine] edito dalla Comunità Montana del Gargano nel 1993.

Rosa Anna, nata il 24 giugno 1958, giorno di San Giovanni, è morta a Foggia, qualche ora dopo il marito Michele Salcuni, per un incidente d’auto avvenuto sulla statale Manfredonia-Foggia, all’altezza dell’Abbazia di San Leonardo, il 21 settembre 2004, giorno di San Matteo, santo a cui era particolarmente devota. Basti dire che nell’aprile 2004 aveva battezzato Francesco Alexander proprio al Convento di San Matteo.

Parole-nidiandolo

L’anima vergognosa

La lingua del dialetto è fatta di parole-immondizia legate a un mondo di miseria e d’ignoranza, che, per questo, godono di una considerazione negativa, soprattutto da parte di chi, riscattandosi socialmente, quel mondo ha dimenticato, cancellato, rimosso. Ma con il dolore c’è il ritorno, lo struggimento del ritorno all’ombelico delle origini, attraverso la filogenesi (il pelo dei mammiferi, le piume degli uccelli, la pelle di muta dei rettili…), allo sporco del nascimento: Inter faecies et urinam nascimur « nasciamo tra le feci e le urine».
Continue reading “Parole-nidiandolo”