Dialetto di Lucera (FG)

dscn2889

Foto di Francesco Granatiero

Stornelli 

Tenime nu castílle
sòp’a na bbella coppe,
da bbasce l’hè guardà
pecchè n-ze pó nghianà.

Po stace nzi’ u Teeatre, (*)
peerò si víne ’a sere
tu nën lu púje truuà
pecchè luce n-ge ne sta.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

Tenime ’a Catteedrale,
na chíse tande andiche.
N-ze pote vesetà
chè sembe chiuse sta.

Sta chiene ggevendù,
uagliune e fegghiulettë,
u strusce vonne fà,
ma nën vonne fategà.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

A mídzë San Frangische
ce stace u Trebbunale,
peerò t’agghie avvesà
chè nu defette sta:

a si te capetasse
de fàrece nu prucísse,
te púje spenzarà
chè cínd’anne adda durà.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

Ce stace u Garibbalde,
teeatre de na vote.
S’avéss’a fà ’ggiustà,
ma chi t’u vole dà?

Te face male u core
si vide cume stace,
ma ce amm’a dà da fà
pecchè nüie l’amm’a salvà.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

Da quase settand’anne
tenime l’acqueedotte,
ma nën te púje lavà
chè acque n-ge ne sta,

peerò ognee ttrè misë
t’arrive l’ecceedenze
e ttu cchè cë púie fà?
T’héi’a mette a gastemà.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

Nu piatte cecatílle
c’a rùcula nustrane
te vogghie fà pruvà
pe fàretë decreià.

Si prúve nu bbucchíre
de vine cacc’e mittë,
attínde t’hai’a stà
pe nën te mbreiacà.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

I ggende de Lucere
sò tuttë nföcaciucce,
citte n-ze sanne stà,
sembe hanne cretecà,

ma tènnene nu core
ch’è quandee na quartare,
peerciò chi vene acquà
n-ze ne vole cchiù tturnà.

Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.
Llariulì lariulà,
lariulì llariulì llallà.

Abbiamo un castello sopra una collina, da giù devi guardarlo, ché non si può salire. Poi c’è anche il teatro, ma se vieni di sera, non lo puoi trovare, che luce non ce n’è. [Ritornello.]  Abbiamo la Cattedrale, una chiesa molto antica. Non si può visitare, ché sempre chiusa sta. È piena di gioventù, guaglioni e figliolette, lo struscio voglion fare, ma non voglion lavorare. [Rit.] In piazza San Francesco ci sta il Tribunale, però devo avvisarti, che un difetto c’è: dovesse capitarti di farci un processo, puoi stare spensierato, ché cent’anni durerà. [Rit.] Ci sta il Garibaldi, teatro di una volta. È da ristrutturare, ma chi lo vorrà fare? E ti fa male al cuore, se vedi come sta, ma dobbiamo darci da fare, perché noi lo dobbiamo salvare. [Rit.] Da quasi settant’anni abbiamo l’acquedotto, ma non ti puoi lavare, ché acqua non ce n’è, però ogni tre mesi ti arriva l’eccedenza e tu che ci puoi fare? Ti metti a bestemmiare. [Rit.] Un piatto di orecchiette con rucola nostrana ti voglio far provare per farti ricreare. Se assaggi un bicchiere di vino cacc’e mittë, attento a fermarti per non ubriacarti. [Rit.] Gli abitanti di Lucera sono tutti aizzatori, zitti non sanno stare, sempre pronti a criticare, ma hanno un cuore grande come una quartara, perciò chi viene qua non ci vuole più lasciare. [Rit.]

(*) ee, suono di è atono, si trova soprattutto nei prestiti dalla lingua. In mancanza di accento, in sillaba libera di parola piana le vocali E e O sono turbate (sëre, Lucëre, vöte, cöre) e le vocali I e U, più o meno palatalizzate (tenïme, vïne, lüce, chiüse). Si tratta di una pronuncia relativamente recente, non registrata da Francesco Piccolo, Il dialetto di Lucera (FG), «L’Italia Dialettale», Vol. XIV-XV, Anno 1938 / 1939, dove invece sono ben distinti i dittonghi ié uó  (miédze,  muórte, uómene), ormai sentiti come vocali di timbro uniforme (múrte,  úmene,  mídze):

Proverbi

1) Cavalle gastemate i luce u pile. 2) Chi vole u male de l’àvete u suie stace arrete ’a porte. 3) U mare fa u sale, ’a fèmmene u male. 4) Chi n-dene mugghiere, mandene mugghiere. 5) I vasce pe maritë, i iàvete pe cogghië i fiche. 6) Mugghiera sande fa l’ome remite. 7) Marite, bbona creianze; mugghiere, sanda paceienze. 8) Doglie de parte, sùbbete se scòrdene. 9) Tàcchere nghiuse, frèvela sperte. 10) L’ome ndò vacia va sò iuoche e festë, pòvera mugghiere scunzulata reste. 11) Figghie e malannë accòrcene l’anne. 12) Mòrene cchiù àiene ca pècure. 13) A u cane vecchie n-ze dice dzadzà.

proverbi

14) Miédze presutte nëm paghe dadzie. 15) Pe ccaccià nu muórte d’a case ce vonne quatt’uómene vive. 16) Rrobba truuate nën è ’rrubbate. 17) U pane d’a case vene sùbbete a stuffe. 18) Chi te fa cchiù d’a mamme, staie secure ca te nganne. 19) Uócchie ca nën vede, core ca nën desìdere. 20) Chi spezzeleieie nne stace a deiunë. 21) Si Ddiie nën vole, i sande n-ge ponne. 22) Catene e tàccherë arràggene u cane. 23) A i figghie d’a vòlepe n-ze nzenghe ’a tane. 24) Chi va dritte cambe afflitte. 25) Chi stipe u mele s’allecche i dite. 26) L’àreie è miédze pane.

Dal grano al pane

DAL GRANO AL PANE. LA TRADIZIONE DI MATTINATA

Francesco Granatiero

12112182_1045045438839971_6599855912899250277_n

Dal grano raccolto si metteva da parte (pe semèndë) quello da seminare l’anno dopo. Allora le donne ne versavano un mucchio su una spianatoia (u taulíre), così da stenderne con la mano uno strato sottile davanti agli occhi, per riconoscere e togliere (cunzé u iréne) i semi di loglio (u scjúgghie) o di altre erbe infestanti, in genere piccoli, rotondi e più o meno scuri (i cecerídde). Continua a leggere “Dal grano al pane”