Mattinata · Il verbo «scı’» “andare”

′Mattinata · Il verbo scı’ “andare”

 davIl verbo “andare”, antico italiano “gire” (*jire, dal latino ire), suona jì in tutto il Meridione (jiri in Calabria e Sicilia), mentre si dice scı’ [ši] (che si potrebbe anche scrivere cı’, semplificazione di ći, grafia del fonetista Giacomo Melillo) nell’apulo-garganico di Monte Sant’Angelo, Mattinata e Vieste, nella fascia periferica meridionale della Capitanata (Cerignola, Candela), nella BAT, nel barese, nel Salento (scıre, scıri), nell’alto potentino (Melfi e Potenza escluse), nella fascia a sud di Potenza racchiusa tra Corleto Perticara, Tramutola, Moliterno e Sant’Arcangelo, e in tutta la provincia di Matera (esclusa la parte più meridionale da Valsinni a San Giorgio Lucano) (cfr. M. Melillo e P. Caratù).

Riporto la coniugazione relativa al dialetto di Mattinata e Monte Sant’Angelo (cfr. Granatiero), che con Vieste rappresentano l’estrema propaggine settentrionale dell’esito [š] < J, GE, GI, DE, DI.

Presente indicativovéche ‘vado’, vé’ ‘vai’, ‘va’, sciéme ‘andiamo’, sciéte ‘andate’, vanne ‘vanno’.

Futuro perifrastico: éja scı’  / ’ja scı’ ‘andrò’ ‘devo andare’, h’a scı’ ‘andrai’ ‘devi andare’, uà scı’ / adda scı’ / ha dda scı’ ‘andrà’ ‘deve andare’, amm’a scı’ ‘andremo’ ‘dobbiamo andare’ avit’a scı’ / at’a scı’ ‘andrete’ ‘dovete andare’, hann’a scı’ ‘andranno’ ‘dovranno andare’, nge h’a scı’ ‘non devi andarci!’.

Futuro di supposizione: scjarraie ‘forse vado’, tu scjarradde ‘forse vai’, jisse / jésse scjarradde ‘forse lui / lei andrà’, scjarramme ‘forse andiamo’, scjarràddeve / scjarràteve ‘forse andate’, scjarranne ‘forse vanno’.

Passato prossimo: sò sciute ‘sono andato’, si sciute ‘sei andato’, è scjute ‘è andato’, sime scjute ‘siamo andati’, site scjute ‘siete andati’, sonne scjute ‘sono andati’.

Imperfetto: scièive ‘andavo’, scıve ‘andavi’, scièive ‘andava’, scièume ‘andavamo’, scièvete ‘andavate’, scièvene ‘andavano’.

Trapassato prossimo: jére / jéve scjute ‘ero andato’, jíre / jíve scjute ‘eri andato’, jéra / jéva scjute ‘era andato’, jèuma scjute ‘eravamo andati’, jèvete scjute ‘eravate andati’, jèvene scjute ‘erano andati’.

Passato remoto: scıje ‘andai’, scıste ‘andasti’, s‘andò’, scièmme ‘andammo’, scièsteve ‘andaste’, scièrene ‘andarono’.

Congiuntivo imperfetto: sciésse ‘andassi’, scısse ‘andassi’, sciésse ‘andasse’, sciésseme ‘andassimo’, sciésseve ‘andaste’, sciéssene ‘andassero’.

Congiuntivo trapassato: fosse scjute ‘fossi andato’, fússe scjute ‘fossi andato’, fosse scjute ‘fosse andato’, fòsseme scjute ‘fossimo andati’, fòsseve scjute ‘foste andati’, fòssene scjute ‘fossero andati’.

Condizionale presente: scjarrìe ‘andrei’, scjarrisse ‘andresti’, scjarrìe ‘andrebbe’, scjarrimme ‘andremmo’, scjarrìsseve ‘andreste’, scjarrinne ‘andrebbero’.

Condizionale passato: sarrìe scjute ‘sarei andato’, sarrisse scjute ‘saresti andato’, sarrìe scjute ‘sarebbe andato’, sarrimme scjute ‘saremmo andati’, sarrìsseve scjute ‘sareste andati’, sarrinne scjute ‘sarebbero andati’.

Imperativo: famme scı’ / ssamme scı’ ‘che io vada’ ‘fammi andare’ ‘lasciami andare’, va! ‘va’!’, nge scı’! ‘non andarci!’, ne nge sciènne! ‘non andarci!’ [da ne ngi’ scienne! (‘non andare andando!’) interpretato come ne nge sciènne! (‘non ci andando!’)] (cfr. Rohlfs), che sciésse! ‘che vada’, sciéme! ‘andiamo!’, sciéte! ‘andate!’, falli scı’ / ssalli scı’ ‘vadano!’ ‘falli andare’ ‘lasciali andare’.

Gerundio: sciènne ‘andando’: sciènne sciènne ‘andando’ ‘facendo piano piano’ ‘piano piano’, sciènne ngambicie ‘pascolando’.

Participio passato: scjute ‘andato’.

Infinito presente: scı’ ‘andare’: scı’ truuènne ‘andare cercando’; avepp’a sci’ ‘dovette andare’; pozza scı’ ‘possa andare’; scırecinne ‘andarsene’; scırele a scetté ‘andare a gettarlo’.

Infinito passato: jèsse scjute ‘essere andato’.

__________

PASQUALE CARATÙ (a cura di), La parabola del figliuol prodigo nei dialetti lucani · I dialetti della Lucania, Università degli Studi di Bari, 1981.

FRANCESCO GRANATIERO, Grammatica del dialetto di Mattinata, Foggia, Comune di Mattinata, 1987.

FRANCESCO GRANATIERO, Vocabolario dei dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012.

GIACOMO MELILLO, I dialetti del Gargano (Saggio fonetico), Pisa, Simoncini, 1926.

MICHELE MELILLO (a cura di), La parabola del figliuol prodigo nei dialetti italiani · I dialetti di Puglia, Archivio Etnico Linguistico Musicale, Roma 1970.

GERHARD ROHLFS, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti · Sintassi e formazione delle parole, Torino, Einaudi, 1969, § 722.

 

Annunci

L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata – a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare.

Con l’affievolirsi della O la -N finale dell’avverbio [nən] si appoggia alla sillaba seguente (NON DAT > ne ndé [nə ndé] ‘non dà’), spesso rafforzandosi davanti a vocale (NON HABET > ne nn-eve [nə nn-évə] ‘non ha, non ottiene’).

Il nesso di -N finale con M- o V- iniziale della parola seguente si comporta come all’interno di parola, per cui si ha assimilazione: NON METIT > ne metë [nə mmétə] ‘non miete’, NON VALET > ne melë [nə mmélə] ‘non vale’, come in INVIDIA > mmidie [mmidjə]; NON VENIT > ne venë [nə vvénə] ‘non viene’.

Se la -N incontra C-, P- o T-, si ha lenizione postnasale: NON CANTAT > ne ngande [nə ngandə] ‘non canta’; NON QUI VENIT > ne nge vene [nə ndžə vénə] ‘non ci viene’; NON POTEST > ne mbote [nə mbótə] ‘non può’; NON TENET > ne ndene [nə ndénə] ‘non tiene’.

Se la consonante iniziale della parola seguente è S-, si ha sonorizzazione: NON SAPIO > ne nsacce [nə nsattšə] ‘non so’; e frequente passaggio della s sonora a zeta sonora: ne nzacce [nə ndzattše].

La consonante iniziale di scı’ [ši] *JIRE ‘andare’, scıuqué [šukwé] JOCARI ‘giocare’ e simili, si comporta come la c- di cèrnə ‘cernere’: ne ngèrnə ‘non setaccia’. Per cui avremo: scıemme [šèmmə] ‘andammo’ e ne ngemme [ne ndžèmme] ‘non andammo’, scıoche [šókə] ‘gioca’ e ne ngioche [ne ndžókə] ‘non gioca’.

L’avverbio [nən] va spesso incontro ad aferesi: ngapisce [ngapiššə] ‘non capisce’, nge vene [ndžə vénə] ‘non ci viene’, mbote [mbótə] ‘non può’, ndene [ndénə] ‘non tiene’,  nzepe  [ndzépə] ‘non sa’. L’apostrofo potrebbe distinguere i casi di omofonia: ngambısce  ‘non pascola’ e ngambısce ‘al pascolo’, mborte ‘non porta’ e mborte ‘importa’ o ‘in porta’, nde lu dé ‘non te lo dà’ e nde lu sole ‘nel sole’, ’ndenne ‘non tengono’ e lu ndenne ‘l’intento’,  ’nfosse ‘non fosse’ e nfosse ‘infossa’, ’nfacenne! ‘non fare!’ e nfacenne ‘in faccende’.

 

 

Dialetto di Lesina (Fg)

lesina2-1-720x540

Proverbi

La bellezze è comë e nnu fiore, prime nasce e ppò more
(La bellezza è come un fiore, prima nasce e poi muore)

Brutte e preffediusë
Brutto e permaloso)

La facce mignulline e lu cule matracine
(La faccia magrolina e il culo grosso)

U bone ne credë a lu malate e u sazie ne credë a lu ddiune
(Il sano non crede all’ammalato e il sazio non crede al digiuno)

La ciocche ca nne parlë è chiamatë checocce
(La testa che non parla si chiama zucca)

L’acqua corre e u sanghe quagghie
(L’acqua corre e il sangue coagula)

La šcacche de foche dure poche,
la šcacche de lu vine dure nu tandine,
la šcacche de nature fise a la morte dure
(Il rossore del fuoco dura poco,
il rossore del vino dura un tantino,
il rossore di natura fino alla morte dura)

Occhie nne vedë e recchië nne sendë
(Occhio non vede e orecchia non sente)

Lu musse è longhë e stritte, ce ficche la case che tuttë lu titte
(La bocca è lunga e stretta, ci entra la casa con tutto il tetto)

A ttrippa vacande ne nge sone e në nge cande
(A pancia vuota non si suona e non si canta)

Mana càvede sta malate, mana fredde sta nnammurate
(Mano calda sei malato, mano fredda sei innamorato)

U pede a la cùnnele e l’arte a la mane
(Il piede alla culla e il lavoro in mano)

Ne sta morte senza rise e nne sta zite senza chiande
(Non c’è morto senza riso e non c’è sposa senza pianto)

Adove spute u pòpele fa la fundane
(Dove sputa il popolo fa la fontana)

Criature e pullë nzonne maie satulle
(Bambini e polli non sono mai satolli)

La mmerde cchiù ce mmescetieje e cchiù puzze
(La merda più si rimesta e più puzza)

________

Proverbi traslitterati dall’alfabeto IPA di Maria Carosella, Repertoriazione del patrimonio paremiologico dialettale di Lesina (Fg), Collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari, Cattedra di Dialettologia Italiana, Università “La Sapienza” di Roma, Centro Stampa “Nuova Cultura”, Roma 2005.

Dialetto di Montecalvo Irpino (Av)

Foto di Gianluca Cardinale
Montecalvo Irpino (foto di Gianluca Cardinale)

PROVERBI

Viéstite cippone ca pare barone.
Vesti ceppone, che pare barone. (L’abito fa il monaco.)

L’àbbeto nun fa mmònico e cchjìrica nun fa prèvetë.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

Lu fasce de malèreva abbasta a diécë cavalle.
Il fascio di malerba basta per dieci cavalli.

Ave paùre ca lu culo arrobba la cammise.
Ha paura che il culo rubi la camicia.

Chi fàbbreca nda li ccase de l’ate perde càuce e mmastrìa.
Chi fabbrica in casa altrui perde calce e maestria.

Chi nun fàbbreca e nnun marita nun zape cché ssi dice.
Chi non fabbrica e non marita non sa che si dice.

San Nicole cu la barba bianga, si nun ghiòve la néve nun manga.
San Nicola con la barba bianca, se non piove la neve non manca.

Sanda Catarinella o acqua o nevecella.
A Santa Caterina o piove o comincia a nevicare.

Ogni pprèdeca èsce a denarë.
Ogni predica finisce con la richiesta di denaro.

Ogni scarpe devenda scarpone.
Ogni scarpa diventa scarpone.

Doppu chiùoppeto na bell’acque.
Dopo la pioggia una bell’acqua. (Piove sul bagnato.)

Sand’Andùono màšchere e sùonë.
A Sant’Antonio Abate maschere e suoni.

«Oh, andó vaie?» «Porte cepólle.»
«Dove vai?» «Porto cipolle» (Discorso fra sordi.)

«Lu meglie ómo» deceva mammanonna, «appese alla pèrteca oppure all’ulmu de lu Càrmeno».
«Il migliore uomo» diceva la nonna, «andrebbe impiccato alla pertica o all’olmo della chiesa del Carmine»

A sSand’Andùono ogni gallenella abbìa l’ùovo.
A Sant’Antonio Abate ogni gallinella comincia a far l’uovo.

Chi cammina lécca e cchi sède sécca.
Chi cammina lecca e chi siede secca.

Tanda figlie, tanda pruvvedentsa.
Tanti figli, tanta provvidenza.

Latte capisce e frustë nò.
Latte capisce e frusta no. (Capisce solo quando gli conviene.)

Lu malu cano acchiappa lu bùono jazze.
Il cane cattivo ha la migliore sistemazione.

Si cule cacava, nun mureva.
Se il culo cacava, non moriva.

Quande siénde rumore de rattacasa, staie nu poco e ppo’ trase.
Quando senti rumore di grattugia, aspetta un po’ e dopo entra.

Tiémbu de cacatorio nun ze porta a ccunfessorio.
Tempo di cacatoio non si porta in confessionale. (I panni sporchi si lavano in casa.)

’E ttiémpe de cacatorio nun gi vole culu strintu.
Con la diarrea non c’è culo che tenga.

Mangu pùlice nd’a sse panne!
Neanche pulce in codesti panni!

Lu suldatu de Napuleione iette cazze e turnavë cuglione.
Il soldato di Napoleone andò cazzo e tornò coglione.

Quande lu ciélo èa a picurellë adda chiòve a catenellë.
Quando il cielo è a pecorelle pioverà a catinelle.

Lu cano mózzeca a lu strazzato.
Il cane morde allo straccione.

La cap’ e la coda èa malu scurcià.
La testa e la coda sono le parti più difficili da scuoiare.

Mò te vene, zùoppo, sta cchianata!
Ora riesci, zoppo, a fare questa salita! (Non è pane per i tuoi denti.)

_______

Dalla lettura di Maria Gelormini Maestra Maruzzella

Canzoniere in lingua madre

TesioGiovanni Tesio, Vita dacant e da canté, Centro Studi Piemontesi, 2017

Francesco Granatiero

CANZONIERE IN LINGUA MADRE

«La forza dell’unità è nel due/ anzi nel tre che fonde tutti i contrasti» è detto nell’ultimo sonetto (pagina 369) di Vita dacant e da canté, un canzoniere di trecentosessatanove sonetti, appunto, dove il noto critico e massimo conoscitore della poesia in dialetto Giovanni Tesio, standosene «dacant», ossia di lato – come dice, stupito, nel sonetto proemiale – canta «’d còse cite», di cose piccole, traendole, a saliscendi, dall’acqua di un pozzo profondo: «mi lascio prendere a spintoni/ se – mai più io – sono la mia canzone che mi sogna» (I), una canzone “dittata” nel dialetto della sua infanzia, quello di Pancalieri (To), gelosamente e segretamente costodito fino ai settant’anni, per ubbidire a un’interiore, imperioso e inesauribile zampillo.

Tesio – come bene evidenzia Pietro Gibellini nella intensa prefazione – «fa poesia del presente, vi riassorbe agostinianamente il passato in ricordo, il futuro in immaginazione». E lo fa in un modo così definitivo e concluso da far dire al finissimo critico ed empatico lettore: «questo è forse il più bel libro di poesia in lingua e in dialetto che io ho letto dall’inizio del nuovo millennio; certo il più toccante e originale»; «così vero, così acutamente e coraggiosamente sincero» (Gibellini).

Tesio, poeta con in testa «mach cerese», solo ciliegie, e «nessuna signorina greca (nessuna Musa)», come e diversamente da Montale, ama «le strade strette, un po’ nascoste/ che viaggiano lungo gli orti» (224), prende un viottolo che gli apre un mondo mostrandogli un’aiuola, mentre di dentro giungono voci che lo «mettono a nudo» (3). Così, con nelle midolla il paese (4), canta «’d mama e ’d pà» (10); dei suoi «temp masnà» (tempi bambini) in cui, con il suo cestino borbottava sottovoce «lumaca lumacotto…» lungo l’acqua dei fossi (12) o «piove piove, la gallina fa più uova» (24); del corniolo che «friciola» (pascolianamente «sgrigiola») (13); del papà «con quegli occhi che sulle due sponde/ cantavano come gli uccelli sui loro rami» (18); della mamma che «aveva la pelle come una nocciola» (22); di sé «poeta per le rime/ che cerca di mettere del bello dove c’è il brutto», per non sentirsi «troppo un figlio assassino» (23) o «come un Lazzaro uscito dal sepolcro/ che gli fioriscono le parole sulla bocca» (24), le sue parole che erano «pane e maiale/ e fienile e stalla e sottotetto/ e zolla e campo e prato e “di’ la preghiera// perché l’angelo ti salvi dalla rovina”» (29). E la parola, la scrittura, la poesia continua a parlare di sé, a cercare la sua ragione e a cantare il suo mistero esplicitamente almeno fino al sonetto XCIV, attraverso una ricchezza di immagini e suoni che germogliano dal profondo e che sorprendono per l’alto magistero, non del professore, ma del poeta che ora è un falegname, ora un bravo ciabattino ed ora un paziente, umile sarto. «La poesìa a l’é com na porila/ ch’a fa la barivela e a sta da chila» (La poesia è come una ragazza/ che fa l’impertinente e sta per conto suo) (73), «La piccola lezione che possa mai fare/ è una sola: di lasciarsi andare/ per rimescolare il cuore e il ventriglio» (75).

«I versi sono quattordici ma la vita/ è molto più frondosa e non si prende mai» (94), così come non è possibile qui dare un resoconto neppure sommario di tutte le occasioni di poesia doviziosamente e acutamente esplorate. E allora farò come Tesio con le sue Parole essenziali – un sillabario che aiuta a entrare nel suo mondo –: cogliere qua e là solo qualche germoglio, per farne un distillato simile all’essenza di menta o di altre erbe aromatiche che si coltivavano e distillavano a Pancalieri: trascegliere un verso o una parola dalle osservazioni di chi, stando «dacant», con gusto minimalistico ci confida abitudini e tic; oppure si guarda dentro senza riuscire a districarsi, finché una «cita faravòsca», una piccola favilla, non venga «a sbrogliare il grumo» (97); o pascolianamente ascolta «doi passaròt ch’a canto ’l sò latin» (101); o indicibilmente gode fino ai «mignoli che friccicano e fremono come spilli» (119) dal piacere di vedere i suoi «novodin» (nipotini).

E continuare spigolando: dalle meditazioni sulla vita (122-142), «deroga delle regole» (122), che la parola non può che tradire, perché porta «’l braje a la scagassa» (i pantaloni laschi) e l’ombra l’accompagna in ogni luogo (141); magari dalla Suite per Joana e dalle altre poesie d’amore (143-158); dalle considerazioni sulla bestemmia che a volte risuona con meno ipocrisia rispetto a «j’ambossor», gli imbuti, che ostentano di riempirsi della «grassia dël Signor» (166); dalla meditazione sulla propria morte mentre il prete parla di «Nosgnor» risorto (169), sulla morte che gli faccia l’occhiolino e lo prenda in cura serrandolo in un abbraccio come una madre (187), sulla morte che è «come il sogno di un bastimento/ che si avvia tra favola e fantasia» (188); dai versi ispirati a Giotto agli Scrovegni: «A sinistra le piante che hanno ceduto alla morte/ a destra il frutto dell’uomo che è il Risorto./ E dentro un vento che invita a mettere le ali» (170); dal tormento di chi ha perso la fiducia: «Io rodo l’osso della tua inesistenza/ e me ne sto lì a grattarlo da Caino» (171), «guardo il vuoto e scopro un infinito/ che mi guarda con due occhi non poco cupi/ e mi getta in un abisso vertiginoso// dove vive la bestia del divino/ che se ne sta nascosta» e «nient’altro fa che divertirsi» (173); o dalla irridente terzina, un po’ alla Dell’Arco: «Zitto tu, nemmeno io ti parlo più/ e se è vero che tu sei un buon pastore/ vieni tu a cercarmi: io sono qui, Signore» (174); dalla luce che sta rinchiusa in «un neir përtus», in un buco nero (202) o che scaturisce dal «buio seme» di Pasolini, per uccidere «gli spaventi delle nostre notti» (203); o dall’armonia, dalla «musica nascosta/ che riesce a maritare tutto il mondo» (208).

Il dialetto della generazione di Giovanni Tesio, diversamente dal dialetto imparaticcio di tanti neodialettali, è la lingua madre succhiata con il latte, ma è anche il piemontese con una lunga storia letteraria; è la lingua universale di chi guarda «dacant» e parla del villaggio, ed è anche la lingua che può accogliere con estrema naturalezza gli italianismi della vita e della cultura del professore. Si veda il sonetto monorimo sull’«eternità» (209), parola naturaliter in rima con «finitività», «circolarità», «verità», «umanità»; e si badi come, nel contesto in lingua piemontese, in questo caso si avverta la necessità dell’italiano anche per una parola come «verità», che al dialetto non manca (vrità).

Il canzoniere continua parlando di scienza e di mistero (210); di memoria e oblio (211-213); della natura indifferente (214); di migranti, naufragi, guerra (215-217); del mare raffigurato in tutta la sua luce (218); della tempesta (226) che lascia «dovunque una grande desolazione./ Ma sopra, un sole da far girare i coglioni»; di paesaggi desolati (227) o in pieno movimento (225); di stagioni (228-245) con fiori e letame, cascine e attrezzi, api e rugiada, e pioggia fango foglie brina neve nebbia; della sua Torino e dei suoi luoghi (240-255); del paesaggio visto dal treno Torino-Vercelli, che spesso richiama quello dell’infanzia (256-263); di montagne campagne strade (264), dove tutto è acutamente distinto con vivida fantasia; e di molto altro, fino al sonetto conclusivo.

A questo punto riporto una quartina un po’ a caso, per apprezzare la bellezza del piemontese di Tesio, delle sue paronomasie: «A-i é ’d vòte ch’am ciapa na flin-a/ pì falurca ’d na tòla ch’a dagna/ na fërleca ch’a sagna ch’a sagna/ e ch’as vira an na brossa cagnin-a…» (Ci sono delle volte che mi prende una stizza/ più bizzarra di una latta bucata/ una ferita che sanguina sanguina/ e si rivolta in una pustola amara…) (341).

E per chiudere, cito per intero il sonetto CCCLIV, il cui incipit ricorda Saba, ma non perché sia il migliore (potrei segnalare i sonetti di pagina 204, 216, 274, 302, 349 o quelli delle pagine 304-308, tendenti a una esemplare moralité, dove – come evidenziato da Gibellini – dalle piccole cose si «trae spunto per veri abissi meditativi»), bensì solo per evidenziare come, anche con un soggetto poeticamente umile e trito, il realistico, concreto, sobrio, schietto e originale dettato conservi nella traduzione tutta la sua tenuta e il suo fascino di grande poesia: «L’altro giorno ho parlato a un passerotto/ che si è posato sopra un filo di ferro/ e gli ho detto: tu sei un fagottino/ e io non sono più grosso, te lo dico schietto.// Ma lui mi ha guardato, i due occhi duri/ e mi ha gargarizzato con sapienza/ i suoi cip cip che in coscienza/ non sono riuscito a decifrare con sicurezza.// Tuttavia mi sembra di poter dire che senza/ fare il finto tonto/ mi invitasse a vivere di conseguenza.// E questa conseguenza, poco da dire,/ fosse quella di rispettare il suo nido/ che per lui è il cuore dell’esistenza.»

_____________

Pubblicato in «L’Immaginazione», 303, gennaio-febbraio 2018, pp. 26-27

Dialetto di Roseto Capo Spùlico

U vinte e llu sòue

Nu jurne u vinte e llu sòue an’accumenzète a gh-etechè.
U vínde decìvede ca jille ièrede u cchiù fortë, e purë u sòue decìvede ca jille ièrede u cchiù fortë d’u munne.
All’ùrteme ane decise ’i fè na scummise.
Ane viste nu pellegrine ca camenàvede nd’a nna vijecelle e ane decise chè u cchiù fortë ’i lure duie ière quillë ca riuscìvede a llu spugliè.
U vinde, accussì, s’hä misë a g-uhhiè, e ccuhhia g-uhhie, all’ùrteme u pellegrine s’arravugliàvede sempe ’i cchiù nd’u mandílle.
U vínde allòre s’hä misë a g-uhhiè cchiù fortë e u pellegrine ha ’bbascète ’a chèpe e ss’è arravugliète na sciarpa nn’u cúlle.
A stu punte u sòue ha caccètë i nùvuue e ad’accumenzète a sperluce chiène chiène.
U pellegrine, c’avive arrevète vecine a nnu ponde, ad’accumenzète a picchië a picchië a sse caccè u mandílle.
U sòue, tutte cundente, ad’agumendète u cauedòre, e all’ùrteme i ragge s’an’arruvendète.
U cresteiène, russe p’u cauedòre, ha guärdètë ll’acque d’a jumère e senzë ’i ce penzè, s’ad’azzuppète.
U sòue, gàute nd’u cígh-e, redìvede e redìvedë.
U vinde, scunzuuète, s’è ghiutë a ’mmuccè a nna banne lundène.

_________

Fonte orale è l’insegnante a riposo Anna Maria Perla, originaria di Roseto Capo Spulico ma da molti anni residente a Trebisacce, per cui si evidenzia l’influsso del dialetto parlato nel nuovo centro urbano (pònde vs pònte, redìvede vs redìjede, ecc.).

 

L’antisonetto di Robert Gernhardt

da Poetry Foundation
Robert Gernhardt (Fotografia tratta da Poetry Foundation)

ROBERT GERNHARDT

Materiale per una critica
su una delle forme di poesia più famose
di origine italiana

Trovo il sonetto una roba merdosa,
stretta, rigida, non buona di certo;
e davvero mi crea grande sconcerto
sapere che c’è ancora oggi chi osa Continua a leggere “L’antisonetto di Robert Gernhardt”

Eugenio Cirese

Dialetto di Fossalto (CB)

 

Fossalto - La Pagliara Maje Maje
Fossalto (Molise) · La Pagliara Maje Maje

 

Eugenio Cirese

(Fossalto 1884 – Rieti 1955)

 
Serenatella
 
Jè nottë e jjè serénë
déndre a ru còre e ngíele.
Le štelle
fermate
vecine,
a ccócchia a ccócchia
o sole,
come a pecurêllë
štiènne pascênne
l’aria de notte
míeze a ru cuåmbe
senza rocchie
e ssenza fine. Continua a leggere “Eugenio Cirese”