Dialetto di Patrica (FR)

1462381141_panorama__inviate_copia

La canzone che segue, opera di Peppino Vallecorsa, ha attirato la mia attenzione per alcune particolarità del suo dialetto.
A Patrica (FR), situata a circa dieci chilometri a Ovest di Frosinone, il cui dialetto ha ancora lo schwa, si parla già un dialetto di area mediana.
Più che la congiunzione ì ‘e’, la voce del verbo essere à ‘è’ o la metafonesi di tipo ciociaro (béglio, ócchi, chéllo, San Pétri), balzano agli occhi e all’udito gli esiti di -E finale in -o (’a uallo ‘la valle’, sólo ‘sole’, còro ‘cuore’, sempro ‘sempre’, gento ‘gente’, bèno ‘bene’, Cacumo ‘Cacume’, pajéso ‘paese’) e di E pretonica o in protonia in -u- (rupenzo RE- ‘ripenso’, ruspónna RE- ‘risponde’; tu uito TE ‘ti vedo’, tu sento ‘ti sento’, cu ppiòua ‘che piove’, mu sento ME ‘mi sento’, du pianto DE ‘di pianto’, pu lla ‘per la’). Un’eccezione, croci CRUCE(M) ‘croce’, dove la E esita in -i.

Pràtica

Acquanno mu métto affattato  a nnu muriglio,
Acquanno jé uito accómmo à bella ’a uallo,
Acquanno tu uito d’attèra all’autostrada,
Acquanno tu sento parlà cu sta ncantata,
Acquanno cu ppiòua ajjécco à ttutto scuro,
Acquanno ci sta i’ sólo ajjécco à béglio própia
Mu sento i’ còro c’ajjécco batta sempro,
Mu sento gli ócchi ca su nfónneno du pianto.

Ì penzo a Pràtica,
Si’ cchéllo cu mmu manca, Pràtica,
À gli pajéso méjo Pràtica, à nna canzona
Cu ssu ghiama, ghiama, ghiama, ghiama Pràtica.

Ularìa sta sempro ajjécco, Pràtica,
Tu penzo ì tu rupenzo, Pràtica, ’a gento téja
Tu uò bèno ì canta ì dicia ì strilla Pràtica.
Acquanno jé uito luntano Cauciano
Ì uito dalla Piazza ’a croci du Cacumo
Ì penzo alla Loja ì penzo alla Ciuuitta,
Jé cu cci hai campato pu ppoco tempo schitta,
Sopo a San Pétri sòna i’ campanono,
Attèra agli Frati ruspónna ’a campanella,
Passa pu lla Strada ’a sedia du Sa’ rRocco
Ì più ppassa i’ témpo ì più tu fai ppì bella.

Ì penzo a Pràtica,
Si’ cchéllo cu mmu manca, Pràtica.
À gli pajéso méjo Pràtica, à nna canzona
Cu ssu ghiama, ghiama, ghiama, ghiama Pràtica.

Ularìa sta sémpro ajjécco, Pràtica,
Tu penzo ì tu rupenzo, Pràtica, ’a gento téja
Tu uò bèno ì canta ì dicia ì strilla Pràtica,
Nido du rundinella nfaccia agli sólo,
Si’ ttutta bella, bella, bella, bellabbella… mbè!

Patrica. Quando mi metto affacciato a un muretto, / quando vedo come è bella la valle, / quando ti vedo giù dall’autostrada, / quando ti sento parlare con questa cadenza, / quando piove qui è tutto scuro, / quando c’è il sole qui è proprio bello / mi sento il cuore che qui batte sempre, / mi sento gli occhi che si bagnano di pianto. // E penso a Patrica, / sei quello che mi manca, Patrica, / è il paese mio Patrica, è una canzone / che si chiama, chiama, chiama, chiama Patrica. // Vorrei stare sempre qui, Patrica, / ti penso e ti ripenso, Patrica, la tua gente / ti vuole bene e canta e dice e grida Patrica. / Quando vedo lontano Calciano / e vedo dalla Piazza la croce di Cacume / e penso alla Loggia* e penso alla Civetta**, / io che ci ho vissuto solo per poco tempo, / su a San Pietro suona il campanone, / giù dai Frati risponde la campanella, / passa per la Strada la sedia di san Rocco / e più passa il tempo e più ti fai più bella. // E penso a Patrica, / sei quello che mi manca, Patrica, / è il paese mio Patrica, è una canzone / che si chiama, chiama, chiama, chiama Patrica. // Vorrei stare sempre qui, Patrica, / ti penso e ti ripenso, Patrica, la tua gente / ti vuole bene e canta e dice e grida Patrica, / nido di rondinella in faccia al sole, / sei tutta bella, bella, bella, bellabella…sì!

* Porticato.  ** L’aquila del Monumento ai Caduti.
_______

N.B.: Le iniziali precedute da a (prep.) e ì (congz. “e”) hanno sempre pronuncia rafforzata. Idem b- e g(i)- iniziali.

Testo e traduzione vengono forniti da Marcella Ciari e adattati alla grafia del sito. Cfr. Marcella Bufalini Ciari & Tarquinio Tolassi, L’Accademia dulla Sémmala. Voci patricane da non perdere, Patrica, Pro Loco, 2011. Per la pronuncia, oltre al contributo della Ciari, ci si è avvalsi del filmato postato su Youtube.

Annunci

Dialetto di Martina Franca (Ta)

martina franca

Parole dal web *

’a réme, ‘il rame’.
a cérë a cérë, ‘faccia a faccia’.
a u uínde, ‘al vento’.
abbuuescià, ‘ravvivare’.
acchià, ‘trovare’.
ancóre, ‘ancora’.
appeccià, ‘accendere’.
arrefresckà, ‘rinfrescare’.
atturne a la vracére, ‘attorno al braciere’.
cammîse, ‘camicia’.
carevunedde, ‘carbonella’.
cartullîne, ‘cartolina’.
casedde, ‘trullo’.
cemenére, ‘focolare’.
fatijà, ‘lavorare’.
fîle, ‘figli’.
jàrue d’alégghie, ‘alberi d’ulivo’.
la caravòne, ‘il carbone’.
la vernéte, ‘la vernata’.
lemafúche, ‘fiammifero’.
lòsce [lòšə], ‘logge’.
lúchere, ‘luoghi’.
m’angallesce, ‘mi riscalda’.
mandarîne, ‘mandarini’.
mascjére [mašérə], ‘maliarda’.
mèstre, ‘maestra’.
mîgghie, ‘mio’.
ndregnulà, ‘intirizzire’.
ngínzie, ‘incenso’.
palettídde, ‘paletta per braciere’.
passatóre, ‘tratturi’.
passudde, ‘ficosecco’.
pésce [péšə], ‘pace’.
pétre, ‘pietra’.
píere, ‘piedi’.
Pòle, ‘Paolo’ ‘il sonno’ [dall’episodio di san Paolo, Atti, 20: 9-12].
pòre, ‘pere’.
sbarijà, ‘svagare’.
sccattrascjà, ‘scoppiettare’.
scjucà, ‘giocare’.
stúzze, ‘pezzo’.
tièrra maje, ‘terra mia’.
tímpe, ‘tempo’.
u fucarídde, ‘il focherello’.
vîgghie, ‘vicolo’.
ze Sabbèddhe, ‘zia Isabella’.
zeppetídde, ‘piccolo stecco’.

_______

Da alcuni video, tra cui

 

Lingua o dialetto?

da “L’albero degli zoccoli”

Si può benissimo parlare di “variante linguistica locale” – anche perché l’espressione “lingua originaria”, pure consigliata, grazie alle mamme che non insegnano più il dialetto ai figli, finisce per riferirsi all’italiano –, ma, siccome linguisticamente parlando non c’è alcuna differenza tra lingua e dialetto, perché non impariamo noi stessi a dare alla parola DIALETTO il suo significato originario positivo di “(lingua) parlata”, cioè viva (cfr. Treccani: dialètto s. m. [dal lat. tardo dialectos, femm., gr. διάλεκτος «lingua», der. di διαλέγομαι «parlare, conversare»]) e a usarla senza vergognarcene? Diversamente si dà l’impressione di avere un qualche pregiudizio e di considerare il dialetto una lingua morta o di rango inferiore.

Dando a “locale” il suo giusto significato, si può parlare,  per esempio, di variante linguistica di Parma e della sua area di pertinenza. Ma è importante che impariamo a dare alla parola “dialetto” il suo giusto significato e a tutte le varianti linguistiche locali (rispetto alla lingua di stato) la loro dignità di lingua, come almeno linguisticamente effettivamente è. Non parliamo dell’importanza storica, per esempio del piemontese o del napoletano, e della letteratura dialettale che in  molti casi non ha nulla da invidiare a quella in lingua (si pensi al Commedione di Giuseppe Gioachino Belli, non a torto affiancato alla Commedia di Dante). Lingue, per intenderci, sono il sardo e il piemontese, il lombardo e il veneto, il friulano e la parlata napoletana (la più estesa di tutte), le parlate dell’Italia centrale e il siciliano (la prima lingua letteraria della Penisola) e lo sono in tutte le loro varianti anche dei piccoli centri, che hanno tutte, ma proprio tutte, una loro grammatica storica, come quella scritta da Clemente Merlo per il dialetto laziale di Sora (la fonologia) o quella di Michele Loporcaro per il dialetto pugliese di Altamura. Ogni dialetto ha le sue regole precise, diverse da quelle dell’italiano, regole di cui il parlante dialettofono non si rende conto, se non ha studiato un minimo di dialettologia. È come uno che, pur parlando una lingua, non è in grado di scriverla perché analfabeta.

Dialetto di Mottola (Ta)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Trullo masseria in contrada Pandaro, Mottola (Ta) – Da imganuncios.mitula.net

La parabola del figlio prodigo (1)

11 N’òmmene avève do file.

12 Lu cchiù giòvene disse all’attene: «Tatà, damme cciò chë m’attocchë, ca me n’é sci». E jidde nge spartì la rrobbe ca teneve. Continua a leggere “Dialetto di Mottola (Ta)”