La «lingua napoletana»

Traduci la favola di Esopo e manda il tuo video! 

U uíende e u sòule
(dialetto di Mattinata – FG)

Nu júerne u uíende e u sòule accumenzèrene a lleteché.
U uíende decèive de jèsse lu cchiù fòrtë e allòure u sòule decèive ca jére jisse la fòrza cchiù jeròsse de la tèrre.
A lla fine decedèrene de fé na próve.
Vedèrene a vunë che scèive cammenènne pe nnu tratture e decedèrenë ca u cchiù fòrtë de lóri duje sarrije stéte cudde che sarrìje arrejesciute a luuàrelë u uestite.
U uíende, allòure, ce mésse all’òpre: accumenzéje a scjuscié e scjuscié, ma u rusultéte jére ca u crestejéne ce arraugghièive sèmbe de cchiù dajindre la cappe.
U uíende allòure scjuscié pe cchiù fòrzë, e ll’óme chiechènne la chépe ce arraugghié na sciarpe atturne lu cúedde.
Arrevé u turne de lu sòule, che caccènne lundéne li nnùuele, accumenzé’ scalefé ne póche de cchiù.
L’óme che jéve arrevéte vecine a nnu pònde, accumenzé chiéne chiéne a luuàrecë la cappe.
U sòule nemunne cundènde aumendé lu ccàlete de li ragge sùue, fine a fàrelë devendé frevute.
L’óme russe pe lu ccàlete assé, védde l’acque de lu fiume e sènzë addemmuré fèice nu tuffe e cë mené dajindre.
U sòule jàlete ngíele rerèive e rerèivë.
U uíende, cundrarejéte e vindë, ce scì ’mmuccé a nna vanne lundéne lundéne.

Il vento e il sole (Esopo)
 
Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.
Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e decisero che il più forte di loro sarebbe stato colui che sarebbe riuscito a togliergli i vestiti.
Il vento, così, si mise all’opera: cominciò a soffiare, e soffiare, ma il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.
Il vento allora soffiò con più forza, e l’uomo chinando la testa si avvolse un sciarpa intorno al collo.
Fu quindi la volta del sole, che cacciando via le nubi, cominciò a splendere tiepidamente.
L’uomo che era arrivato nelle prossimità di un ponte, cominciò piano piano a togliersi il mantello.
Il sole molto soddisfatto intensificò il calore dei suoi raggi, fino a farli diventare incandescenti.
L’uomo rosso per il gran caldo, guardò le acque del fiume e senza esitare si tuffò.
Il sole alto nel cielo rideva e rideva.
Il vento deluso e vinto si nascose in un luogo lontano.

 

Nel vecchio Regno di Napoli – Abruzzo, Molise, Lucania, Puglia centro-settentrionale, Calabria settentrionale, e aree limitrofe con la cosiddetta “e muta” – si parla la «lingua napoletana», «seconda lingua d’Italia» (UNESCO).

Se sei dell’area, affrèttati (prima che lo faccia un altro della tua città) e manda a ling.napol@libero.it la tua traduzione in dialetto (che useremo per i sottotitoli) e un video (non verticale) con un buon audio e le indicazioni di Comune e Provincia.

Scrivi il dialetto come ti viene, senza preoccuparti. Con la guida dell’audio verrà poi integrato, adattato al video e pubblicato su YouTube, in “Poesia e dialetti” e in Facebook “I dialetti del volgare pugliese”.

 

Annunci

Dialetto di San Marco in Lamis (Fg)

Fracchie a San Marco in Lamis
(da FoggiaToday)

Fracchie a San Marco in Lamis- le foto 5

Lu marite ché ddecéva lu fatte come jenne

Na vòta, nu gione bèllefàtte, ma puvurédde, ce ha pigghiatë a nna giona ricca, ma ché ttenéva nu defétte a nn’ócchie. Tutt’e dua parévene ché stévene cundende. Quanne stévene cucate, isse uascjava a lla mugghière sembe sope l’ócchie addefettate. Jéssa no ngapeva lu pecché. Na vòta ce ha velutë pigghià lu ndriche, pe quéssë jè vvutata mbacce lu marite e ll’ha dittë:
«Pecché me uasce sembe sop’e quist’ócchie?»
«Pecché jè pë quissë ché më t’éje pigghiate.»

Il marito che non sapeva mentire

Una volta, un giovane bello, ma povero, si sposò con una ragazza ricca, ma che aveva un difetto a un occhio. Tutt’e due sembravano essere contenti. Quando erano a letto, lui baciava la moglie sempre sull’occhio difettoso. Lei non capiva il perché. Una volta ha voluto togliersi la curiosità, per cui si è rivolta al marito e gli ha detto:
«Perché mi baci sempre su quest’occhio?»
«Perché è per questo (occhio) che ti ho sposata.»

_____

Il testo dialettale, tratto da Li cunte. Vangelo popolare e Racconti veri e verosimili di Grazia Galante (Bari, Levante, 2012), è trascritto in grafia DAM.

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

phoca_thumb_l_vico-del-gargano_6

QUINDICI PROVERBI

Quanne ce sta ’a gràscie måitte ’a chiave nfacce ’a càscie.
Quando c’è l’abbondanza devi mettere la chiave alla cassa.

Gàbbete ne nfa mòneche e chièreche ne nfa prèuete.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete. Continua a leggere “Dialetto di Vico del Gargano (FG)”