Ninnananna abruzzese

 

Cíele chiare dind’all’uocchie

mmedz’alu mare tu nn-hi state maie

e-li culline pu’ che tt’à crijate

nu júorne tu ti’ dd’artruvà.

 

Tu nn-à’ da cunosce lu dulore

mbacce lu vende comme na quercia antica

tu à’ da sfedà lu mónne e cchi ce sta

e-lu curagge nun t’é da mancà

 

Ninne, ninne, nanna,

dúerme tu che puó,

dúerme tu che puó,

ninnananne, ninna óh. (bis)

 

Mo se tu mi sta’ da sentì,

stu core zulle ca mo ti’

come na muntagna gruosse se farà,

ma sole ammore ce à da sta.

 

Ninne, ninne, nanna,

dúerme tu che puó,

dúerme tu che puó,

ninnananne, ninna óh. (bis)

 

Ninnananna. Cielo chiaro dentro agli occhi / in mezzo al mare non sei stato mai / e le colline che ti han creato / un giorno poi ritroverai. // Tu non conoscerai il dolore / contro il vento come una quercia antica / tu sfiderai il mondo e chi ci sta / e il coraggio non ti mancherà. // Ninno, ninnananna, / dormi tu che puoi, / dormi tu che puoi, / ninnananna, ninna óh. (bis) // Ora se mi stai a sentire, / questo cuore piccolo che hai / come una montagna grosso si farà, / ma solo amore ci sarà. // Ninno, ninnananna, / dormi tu che puoi, / dormi tu che puoi, / ninnananna, ninna óh. (bis)

______

Dialetto trascritto e tradotto dal canto Ninna nanna dell’uomo, album I lupi di Ivan Graziani.