Dialetto di Locri (Rc)

Locri-Tempio-Marasà
Locri – Tempio Marasà

Alfredo Panetta

U gàlanu

U cchiappai, nci allisciai i pinni
cu na manu, cu ll’àuthra nci stujai
u sangu mbiscatu a ccoccia ’i chiumbu.

Mbicinai i labbra a jja pagura
virdi, nci arricchiai u thréntulu:
parìanu ngusci ’i figghiolèju.

M’ahhiancà a na masthra
d’abbivaratizziu, u dagià ntâ
na pethra d’armacera…

nci appojai vicinu â testicèja
na junta d’erba frisca

e mmâ fujìi.

Il rigogolo. L’ho catturato, gli ho lisciato le piume / con una mano, con l’altra gli ho pulito / il sangue impregnato di piomo. // Ho avvicinato le labbra a quella paura / verde, ho ascoltato il tremito: / sembravano i gemiti di un neonato. // Mi sono accostato a un canale / d’irrigazione, l’ho adagiato su / una pietra di muro a secco… // gli ho posato vicino alla piccola testa / un ciuffo d’erba fresca // e sono scappato. (Traduzione dell’autore. Da Petri ’i limiti, “Pietre di confine”, Moretti & Vitali, Bergamo 2005)

 

’A luna ’i Giamperranti

Quandu ’a luna si curca
arretu ê cerzi ’i Giamperranti
pappùma ncigna u nterra
simenzi ’i panìculu.
Una esti pô cantu d’u scropìu
cusì llentu chi mmartèja nt’a ll’ossa
n’àutru è ppâ jornata ’i sidura
chi ssulu ’u vinu si fida pè mmu asciuca
e na junta ntera â fini è ppè ll’acqua
dâ vinèja chi smovi i pali d’u mulinu
(cusapi quantu passa ’i tandu a du matinu
cusapi quanta farina finu all’eternità).

Mberzù sup’ô timpuni, ppizzatu
nt’a nu cùfalu di timpa, guarda u cielu
’n ziafrò. Dint’ê sò occhji staju
’i jja notti, chija chi nnescì mama.

La luna di “Gianferrante”. Quando la luna si corica / dietro le querce di “Gianferrante” / mio nonno materno comincia / a interrare semi di granturco. / Uno è per il canto dell’assiolo / così lento e martellante nelle ossa / un altro è per la giornata di sudore / che solo il vino riesce ad asciugare / ed una manciata intera / per l’acqua del ruscello che muove / le pale del mulino (chissà quanta / ne scenderà da lì fino al mattino, chissà quanta farina / fino all’eternità). // In alto presso il colle, ficcato / nell’incavo di un dirupo, fissa il cielo / un ramarro. Dentro i suoi occhi abito / da quella stessa notte, in cui nacque mia madre. (Traduzione dell’autore. Da Na folia nt’è falacchi, “Un nido nel fango”, edizioni CFR, Piateda So 2011)

______

Grafia con adattamenti (Scrivere il dialetto) aggiornata dall’audio di Youtube

Annunci

Dialetto di Roseto Capo Spulico

DANTE MAFFIA

Nato a Roseto Capo Spulico (Cs) nel 1946, vive a Roma. Poeta, narratore e saggista dai molteplici interessi. Ha fondato varie riviste. Collabora alla rubrica dei libri per RAI 2. Ha pubblicato una trentina di raccolte di poesia in italiano, molte tradotte anche all’estero.
In dialetto ha dato alle stampe: A vite i tutte i júrne, Carte Segrete, Roma 1987; U Ddìje poverìlle, Scheiwiller, Milano 1990; I rúspe cannarute, ivi 1995; Papaciòmme, Marsilio, Venezia 2000. Continua a leggere “Dialetto di Roseto Capo Spulico”