Alessandra Cutrì intervista Francesco Granatiero

Da Insula Europea   Continua a leggere “Alessandra Cutrì intervista Francesco Granatiero”

Annunci

Dialetto di Ruvo di Puglia (BA)

13a-ruvo

VINCENZO MASTROPIRRO

U dejarie

Sò prevòtë a tenajë u dejarie
quann’ère uagnàune.

Guardaie re ppàgene numéròte
ma nan arresciaje a scrive nudde.

Cchiù passajë u tímbe
cchiù re ppàgene geràine vacande.

U vúte du dejarie pérò
jègne la véite de súnne
ed è inùtele scrive illusejòne.

Le súnne nën vonne mè scritte.

Le súnne, chire ca addavère le vè apprisse,
quande mmène tu u’aspitte stonne nnanze a tàichë. Ahuàndele.

Il diario. Ho provato a tenere un diario/ quando ero ragazzo.// Guardavo le pagine numerate/ ma non riuscivo a scrivere niente.// Più passava il tempo/ più le pagine giravano vuote.// Il vuoto del diario, però/ riempie la vita di sogni/ ed è inutile scrivere illusioni.// I sogni non vanno mai scritti.// I sogni, quelli che davvero insegui, quando meno te lo aspetti sono vicino a te. Prendili.

La ruòscjue e u arrepízze

Òsce, ce addemanne a-le uagnìune:
ccèd è na ruòscjue? ccèd è nu arrepízze?
Te pìgghiene pe fàtuë.

Na vuolte, re ruòscjue e ll’arrepízze
servàine a ffò derò cchiù a lúnghë
scarpe e vestéitë.

Mò nàune. Mò, se scjette tutte.
Se scjèttene scarpe e vestéitë núve núve
se scjette finanghe l’àneme ca tíne mbítte.

Ma l’àneme nën vè mè scëttòte
l’àneme vè arrepezzòte sièmbe
vonne púste ruòscjue ìune, cínde, mille vuolte.

L’àneme è ìune e nën ze pòte accattò cchjìue.

La risuolatura e il rammendo. Oggi se chiedi ai ragazzi:/ cos’è una risuolatura? cos’è un rammendo?/ Ti prendono per scemo.// Una volta, le risuolature e i rammendi/ servivano a far durare più a lungo/ vestiti e scarpe.// Ora no. Ora, si butta tutto./ Si buttano scarpe e vestiti nuovi nuovi/ si butta pure l’anima che hai nel petto.// Ma l’anima non va mai buttata/ l’anima va rattoppata sempre/ vanno messe suole una, cento, mille volte.// L’anima è una e non si può comprare più.

__________

Testi tratti da Poèsìa sparse e sparpagghiote (CFR Edizioni, 2013) trascritti in grafia DAM dalla voce dell’autore:

[https://www.youtube.com/watch?v=OroiLroFRCI]

[https://www.youtube.com/watch?v=jx9PmuR_NYQ]

Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

54

JOSEPH TUSIANI

Li fracchie (*)

Scendelleia, verneceia,
la Madonna mo passeia.
Tutta luce, tutt’anélle,
la Madonna tande bella.

La Madonna Addulurata
chiagne làcreme de luce.
Passa passa p’ógne strata
quéssa fracchia a cérrë e nocë.

Nón ge védene cchiù stélle,
mo li stélle stanne nderra;
passe a mézë li fratelle
la Madonna, mand’addzurre.

A funestrë e ballechétte
sta la gende ngunecchiata:
tutta luce e tuttë afflitta,
la Madonna Addulurata.

Canda canda, canzungina,
foche foche, vòla vòla!
Sope n’ónna ce avvucina
la Madonna sola sola.

Chi l’ha ffatta quédda fracchia,
la cchiù rròssa e lla cchiù ttónna?
Quallu vosche e qualla macchia
ce ha mbrestate tanda frónna?

L’ime fatta tutte quande,
ógni ffrónna nu delore,
ógni ffrasca jè nnu chiande,
ógni vvamba jè nnu còre.

Passa passa, Addulurata,
benedice a stu pajese!
Tutta luce e scunzulata,
la Madonna sandmarchesa.

Le fracchie. Scintilla, sfavilla, / ora passa la Madonna. / Tutta luce, tutt’anelli, / la Madonna così bella. // La Madonna Addolorata / piange lacrime di luce. / Passa passa in ogni strada / questa fracchia di quercia e noce. // Non si vedono più stelle, / ora le stelle sono per terra; / passa in mezzo ai Confratelli / la Madonna, mantoazzurra. // A finestre ed a balconi / sta la gente inginocchiata: / tutta luce e tutt’afflitta, / la Madonna Addolorata. // Canta canta, canzoncina, / fuoco fuoco, vola vola! / Sopra un’onda si avvicina / la Madonna tutta sola. // Chi l’ha fatta quella fracchia, / la più grande e la più tonda? / Quale bosco e quale macchia / ci ha prestato tanta fronda? // L’abbiam colta tutti quanti, / ogni fronda un dolore, / ogni ramo è un pianto, / ogni fiamma è un cuore. // Passa passa, Addolorata, / benedici questo paese! / Tutta luce e sconsolata, / la Madonna sammarchese.

(*) Fracchie, grosse fiaccole di tronchi d’albero segati longitudinalmente, divaricati e inzeppati di legna fino ad assumere forma conica; vengono montate su ruote, incendiate e trascinate in corteo nella processione dell’Addolorata il Venerdì Santo.

_______

Trascrizione con adattamenti (cfr. il manuale Scrivere la lingua madre). Voce: ragazze e ragazzi. Fonte: youtube. Testo e traduzione da: Joseph Tusiani, Storie dal Gargano, Poesie e narrazioni in versi dialettali (1955-2005), a cura di Antonio Motta, Anna Siani e Cosma Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2006, pp. 54-57.

Giacomo Strizzi

embossed_line_frameGIACOMO STRIZZI, nato ad Alberona (Fg) nel 1888, morì a Torino nel 1961. Si arruolò come volontario nella Guardia di Finanza. Poi si diplomò e insegnò come maestro elementare.

Ha pubblicato: Cusareddhe pajesane («Coserelle paesane»), Lucera, Scepi, 1933; Scerpetédde («Cianciafruscole»), Foggia, Leone, 1953; Vécchie e nove scerpetédde («Vecchie e nuove cianciafruscole»), ivi, 1957; Frónne e frusce («Ramoscelli e arbusti»), ivi, 1958; L’arche-vérie («L’arcobaleno»), Roma, «Il Nuovo Belli», 1959; Fattaredde e quatrette («Fattarelli e quadretti»), ivi, 1959; U pagghiaredde («Il piccolo pagliaio»), ivi, 1960. Continua a leggere “Giacomo Strizzi”

Spija nGele

Spija-nGele-copertinaLUIGI IANZANO (San Marco in Lamis 1975), laureato in legge, docente di scienze giuridico-economiche, francescano secolare, con il volumetto Spija nGele, «Scruta il Cielo» (2016), si sgancia dai temi più strettamente legati al paese e alla poesia più tipicamente dialettale del suo precedente più importante Tarànta mannannéra, «Taranta messaggera» (2005), per privilegiare i temi della famiglia e degli affetti e in modo particolare quello della fede, su cui è incentrata l’ode epico-religiosa Come ce mbizza la cèreva, «Come si porta la cerva», la quale ha come Leitmotiv lo stupore per ciò che Dio opera fuori e dentro l’uomo. Continua a leggere “Spija nGele”

Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Dialetto di Ischitella

VINCENZO LUCIANI

Nato nel 1946 a Ischitella (Fg) nel Gargano, vive a Roma, dove dirige il mensile di informazione locale “Abitare A”. Fondatore dell’Associazione e della rivista di poesia “Periferie”, dirige il Centro di Documentazione della poesia dialettale “V. Scarpellino”. Continua a leggere “Dialetto di Ischitella”