Dialetto di Carpino (FG)

800px-andrea_sacco_e_antonio_piccininno
1987. I cantanti di Carpino Antonio Piccininno e Andrea Sacco. Foto di Ettore de Carolis – Associazione Culturale Carpino Folk Festival

Fonte: Antonio Piccininno

Vide ché bella giòvene m’héi capate

E mm’héi capate,
e vidë ché bella giòvene m’héi capate,
oh ma quand’è belle chè me fa murije,
che lla vocca spambanate ohi quanne parle,
che li labbre nzuccarate ohi quanne rire…

… Ohi quanne rire
che li labbre nzuccarate ohi quanne rire…
Arruspìgghiete da lu sonne, cara zetelle,
e cché nen-ge dorme quanne nuie ce ama amaje
e nnu lette de veiole ce l’avima faje…

… ce l’avima faje,
e nnu lette de vejole ce l’avima faje…
e llu matarazze e lli cuscine de sete,
e-ma li lenzole sonne arracamate
e-ma la cuperte jè de rosavejole…

… de rosavejole,
e-ma la cuperte jè de rosavejole e rosë,
rose e rosë jè la zite quanne m’la spose.
E lla zite quanne m’la spose
e ttutta pembosa va,
la matine ce mette li cose
e lla sere ng’i vole luuà.
Lu zetílle malandrine
la cavezette la vole terà.
La zetella abbruvegnose
abbasce l’occhie, nen-vole parlà.

Quand’è belle la pupe de pezze,
jè patronë de trè ccittà.
Quanne camine non ge spezze,
quand’è belle la pupe de pezze.

E mi son scelto / e vedi che bella giovane mi son scelto, / ma è tanto bella che mi fa morire, / con la bocca bella aperta ohi quando parla, / con le labbra zuccherate ohi quando ride… // ohi quando ride, / con le labbra zuccherate ohi quando ride… / Svegliati dal sonno, cara sposina, / ché non si dorme quando ci dobbiamo amare / e un letto di viole ci dobbiamo fare… // ci dobbiamo fare / e un letto di viole ci dobbiamo fare… / e il materasso e i cuscini di seta / e le lenzuola sono ricamate / e la coperta è di rosaviola… // di rosaviola, / e la coperta è di rosaviola e rosa, / rosa e rosa è la sposina quando la sposo. / E la sposina quando la sposo / tutta pomposa va, / la mattina indossa l’abito / e la sera non se lo vuol levare. / Lo sposino malandrino / la calzetta le vuol levare. / La sposina vergognosa / abbassa gli occhi e non vuol parlare. // Quant’è bella la bambola di pezza, / è padrona di tre città. / Quando cammina non si spezza, / quant’è bella la bambola di pezza.

Trascrizione del dialetto secondo il manuale Scrivere la lingua madre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...