La «lingua napoletana»

Traduci la favola di Esopo e manda il tuo video! 

U uíende e u sòule
(dialetto di Mattinata – FG)

Nu júerne u uíende e u sòule accumenzèrene a lleteché.
U uíende decèive de jèsse lu cchiù fòrtë e allòure u sòule decèive ca jére jisse la fòrza cchiù jeròsse de la tèrre.
A lla fine decedèrene de fé na próve.
Vedèrene a vunë che scejve cammenènne pe nnu tratture e decedèrenë ca u cchiù fòrtë de lóri duje sarrije stéte cudde che sarrìje arrejesciùte a luuàrelë u uestite.
U uíende, allòure, ce mésse all’òpre: accumenzéje a scjuscé e scjuscé, ma u rusultéte jére ca u crestejéne ce arraugghièive sèmbe de cchiù dajindre la cappe.
U uíende allòure scjuscé pe cchiù fòrzë, e ll’óme chiechènne la chépe ce arraugghié na sciàrpe atturne lu cúedde.
Arrevé u turne de lu sòule, che caccènne lundéne li nnùuele, accumenzé’ scalefé ne póche de cchiù.
L’óme che jéve arrevéte vecine a nnu pònde, accumenzé chiéne chiéne a luuàrecë la cappe.
U sòule nemunne cundènde aumendé lu ccàlete de li ragge sùue, fine a fàrelë devendé frevute.
L’óme russe pe lu ccàlete assé, védde l’acque de lu fiume e sènzë addemmuré fèice nu tuffe e cë mené dajindre.
U sòule jàlete ngíele rerèive e rerèivë.
U uíende, cundrarejéte e vindë, ce sci ’mmuccé a nna vanne lundéne lundéne.

Il vento e il sole (Esopo)
 
Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.
Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e decisero che il più forte di loro sarebbe stato colui che sarebbe riuscito a togliergli i vestiti.
Il vento, così, si mise all’opera: cominciò a soffiare, e soffiare, ma il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.
Il vento allora soffiò con più forza, e l’uomo chinando la testa si avvolse un sciarpa intorno al collo.
Fu quindi la volta del sole, che cacciando via le nubi, cominciò a splendere tiepidamente.
L’uomo che era arrivato nelle prossimità di un ponte, cominciò piano piano a togliersi il mantello.
Il sole molto soddisfatto intensificò il calore dei suoi raggi, fino a farli diventare incandescenti.
L’uomo rosso per il gran caldo, guardò le acque del fiume e senza esitare si tuffò.
Il sole alto nel cielo rideva e rideva.
Il vento deluso e vinto si nascose in un luogo lontano.

 

Nel vecchio Regno di Napoli – Abruzzo, Molise, Lucania, Puglia centro-settentrionale, Calabria settentrionale, e aree limitrofe con la cosiddetta “e muta” – si parla la «lingua napoletana», «seconda lingua d’Italia» (UNESCO).

Se sei dell’area, affrèttati (prima che lo faccia un altro della tua città) e manda a ling.napol@libero.it la tua traduzione in dialetto (che useremo per i sottotitoli) e un video (non verticale) con un buon audio e le indicazioni di Comune e Provincia.

Scrivi il dialetto come ti viene, senza preoccuparti. Con la guida dell’audio verrà poi integrato, adattato al video e pubblicato su YouTube, in “Poesia e dialetti” e in Facebook “I dialetti del volgare pugliese”.

 

Annunci

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”