Dialetto di Vieste (FG)

vieste-puntasan-francesco da Eden Puglia ..
Vieste. Punta San Francesco. Immagine tratta da Eden Puglia.

 

VENTI PROVERBI (*)

L’amóre forte no n-ganòsce nè llúoche nè ssorte.
L’amore forte non conosce né luogo né sorte. (L’amore è cieco)

L’amóre e ll’affette vènene da la sacchette.
L’amore e l’affetto vengono dalla tasca.

Stipe ngidde chè trúove capetone.
Conserva anguille che trovi capitoni. (Ciò che oggi ti sembra poco domani potrebbe essere provvidenziale).

L’ànema depinde ce cundanne da sole.
L’anima macchiata dal peccato si condanna da sola.

Póch’anne e póca malì’zie.
I bambini non hanno malizia.

Come ce fa? – Accome facèvene l’andiche: prime la scorze e doppe la muddiche.
Come si fa? – Come facevano gli antichi: prima la scorza e dopo la mollica.

Aprile faie guardà u cenarile.
Aprile fa guardare il focolare. (Spesso in aprile fa molto freddo).

Arche de matine, se no n-ghiove goosce, chiove crammatine.
Arcobaleno di mattina, se non piove oggi, piove domattina.

Renga vecchie e renga nove sonne tutte nu chelore.
Aringa vecchia e aringa nuova sono tutte dello stesso colore. (Una volta mescolate si confondono).

Arte pe arte e i pècure a u lupe.
Ognuno alla sua arte e alle pecore ci pensa il lupo.

L’arte de tëte è mez’ze mbarëte.
Il mestiere del babbo è mezzo imparato.

L’arte d’u ualëne è arta cevile: porte l’arëte mmëne e u uove tire.
Il mestiere dell’aratore è un’arte civile: lui guida l’aratro ma chi tira è il bue.

L’arte l’â fà chi è use.
L’arte deve farla chi è del mestiere.

L’artiste tëne u pëne jinde u canistre.
L’artigiano ha il pane nel canestro. (Ce l’ha, ma ne ha poco).

I ciucce ce danne e i varrile ce sfàscene.
Gli asini litigano e i barili si sfasciano.

Chi tëne renne, chi no n-dëne i píete stenne.
Chi ha rende, chi non ha i piedi stende. (La ricchezza porta altra ricchezza, la miseria altra miseria).

Chi avvise more accise.
Chi avvisa muore ucciso.

Varca rotte e cunde fatte.
Barca rotta e conti fatti.

Ome curte e fèmmena chiatte ê fà quarandaquatte vòlete u patte.
Con uomo corto e donna tarchiata devi fare quarantaquattro volte il patto. (Non c’è da fidarsi).

Pìgghiete u búone quanne vëne, chè u malamende non manghe mëje.
Pigliati il buono quando viene, ché il male non manca mai.

________

(*) NB: La in sillaba libera di parola piana suona [ö]: capetönesölechelöregöösce.

Da F. Granatiero, Rére ascennenne (“Da antica tradizione”). Dizionario tassonomico dei proverbi garganici, Foggia, Grenzi, 2002.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...