Dialetto di Carpino (Fg)

chiesa_di_san_cirillo
Chiesa di San Cirillo. Foto di Domenico Sergio Antonacci

Nò nde l’hé ditte na parola male

Nò nde l’hé ditti na parola male,
i’ te l’hèi ditti si vuòi fà l’amore
e ma pìjete la palelle e vattinne pi fochë
e mma va’ ’lla case di lu nnammurate,
ma pìgghiete doie ore di spasse e ggioche.
A ssi màmmete ce n’addone di chisti ggioche,
à dice ché sonne state i fajelle de foche ellà,
vole ellà, uéi lì uéi là.

E mma bbella ive tu
e më l’ha fatte annammurà,
me l’ha fatte ’nnammurà
la cammenature e llu parlà.
A sse bbella tu nò gnive
annammurà nò më facive.

Lu surge sotte la tine
e sottë la tine sta,
ma la jatta malandrine
ngappe lu surge sotte la tine.

Lu surge sotte lu lette
e sottë lu lette sta,
ma la gatta maledette
ngappe lu surge sotte lu lette.

Lu surge ndi la casce
e ndi la casce sta,
ma la vatta vascia vasce
ngappe lu surge ndi la casce.

Cummare dzìchete e nossë
quanne ha chiòvetë addove si’ missë,
sotte na chiande de dzìchete e nossë
e iévë chiòvete e no nzi’ nfosse.

E vulë ellà
quidde ché vvú’ la fèmmene fa,
së vú’ li maccarune
de farine nge ne sta,
e së vú’ li maccarune
te li magne a une a une,
se vú’ li strascenéte
te li magne appappeléte.

Li fèmmene de Monde
e tennë li scarpe a dojë ponde,
une annanze e n’àvetë addrete
ponne jì ·ccavà li prete.

E lli fèmmene de Viche
sàpene coce li ciammariche,
e lli mèttene allu sole
fanne ascì li corne da fore.

E cumë bbelle ha fattë iesse
pe mmè ne nvò cummatte,
quanne màmete va alla messe
e cë recréie nghiane suse.

Te si’ fattë la carejole
vaje vennenne la capesciole.
Uh madonnë se nghianghe suse
ché paurë t’hé fà pejà,
t’éja rombe la frijarole
dove ce frije lu bbaccalà.

Lassàteli bballà ssi bbelle zetelle
ché tenne la tarande sott’a lu pede.

Oje tu ca vaje e veni oje da Caserte,
non sai la bbella sua si è vivë o morta?
Ma iere sera l’aje lasciate a lettë,
ma pe nna freva d’amore ca sbarijave,
e nna mane ce teneve oje li cummitte
n’àvita mane ci trascina morte.
La mammi ci ni vaje ndani da lu letti:
Pòvera figghia mia chi d’amore è mmorta!
E vajë bbelle e vvatti vísti munachelle,
si mmònica ti faje issi rimiti ci farà.

Di prime amore ti vene a ssalutaji
di nove amandi bbelli stàtime a sentirë:
S’isse avi lu piacere li vogli servire,
dagli lu vende e ppò davi navigaie;
questa bbarchette al porte ché aveve ascìje,
quanne pi nnande a vujë vene a ppassaji
fammi nu segne d’amore e mìttitë a rride.
E vajë bbelle e vvatti vísti munachelle,
si mmònica ti faje issi rimiti ci farà
e ttu diciarraje la messe e issi la servarrà.

Non ti ho detto una parola cattiva, / ti ho detto se vuoi fare l’amore / e prendi la paletta e vai per fuoco / e vai alla casa dell’innammorato, / e prenditi due ore di spasso e giochi. E se tua madre si accorge di questi giochi, / dirai che sono state le faville di fuoco ellà, / vole ellà uéi lì uéi là. // E bella eri tu / e mi ha fatto innamorare, / mi ha fatto innamorare / la camminatura e il modo di parlare. / E se bella non eri / innamorare non mi facevi. // Il sorcio sotto il tino / e sotto il tino sta, / ma la gatta malandrina / acchiappa il sorcio sotto il tino. // Il sorcio sotto il letto / e sotto il letto sta, / ma la gatta maledetta / acchiappa il sorcio sotto il letto. // Il sorcio nella cassa / e nella cassa sta, / ma la gatta bassa bassa / acchiappa il sorcio nella cassa. // Comare sicut et nos / quando ha piovuto dove ti sei messa, / sotto una pianta di sicut et nos / e ha piovuto e non sei bagnata. // E vulë ellà / quello che vuoi la donna fa, / se vuoi i maccheroni / di farina non ce n’è, / e se vuoi i maccheroni / te li mangi a uno a uno, / se vuoi le strascinate (sorta di grosse orecchiette) / te le mangi appiccicate. // Le donne di Monte / hanno le scarpe a due punte, / una davanti e una dietro / possono andare a cavare le pietre. // E le donne di Vico / sanno cuocere le lumache, / le mettono al sole / fanno uscire le corna fuori. // E come bello ha fatto lei / con me non vuole avere a che fare, / quando la mamma va a messa / si ricrea sale su. // Ti sei fatta la carretta / vai vendendo nastri e fettuccine. / Oh madonna se salgo su, / che paura ti faccio prendere, / devo romperti la padella / dove si frigge il baccalà. // Lasciatele ballare queste belle signorine / ché hanno la tarantola sotto il piede. // O tu che vai e vieni da Caserta, / non sai se la sua bella è viva o morta? / Ieri sera l’ho lasciata a letto / con una febbre d’amore che delirava, / in una mano aveva i confetti / con l’altra mano si trascinava come morta. / La madre si allontana allora dal letto: / Povera figlia mia che d’amore è morta! / Vai, bella, e vai a vestirti da monachella, / se monaca ti fai lui eremita si farà. // Da primo amore ti viene a salutare / da nuovo amante bene statemi a sentire: / Se lui ha piacere lo voglio servire, / dategli il vento e poi deve navigare; / questa barchetta al porto doveva uscire, / quando davanti a voi si trova a passare / mi farà un segno d’amore, mi sorriderà. / E vai bella a farti suora, / se suora ti fai, lui eremita si farà / e tu dirai la messa e lui la servirà.

Trascrizione DAM secondo il manuale Scrivere la lingua madre.

Omaggio a Leopardi

LU SÀBBETE PAJESÉNE

La cacchiungedde vene da ngambagne,
allu calé d’lu sòule,
pe nna vrazzéta d’erve; e portë mmene
nu mazzette de rose e dë vejole,
aggiocca quann’è créje
p’la feste ce azzemêsce,
accume vole, u pítte e ’a capeddine.
Assettéte a u candòune p’li vvecine
file la vecchiaredde,
pe ll’úcchie a u quarte che lu júrne more;
e accónde de lu tímbe quanne iésse
a i ffíste ce arremèive,
e angore sene e bbelle,
abballèive la sèire p’li cumbagne.
Ggià ce fé scurde l’arie, e tornë adzurre
lu sseréne, e ggià tòrnene i mmurêsce
abbasce da li ccoppe e dda li titte,
alla lustre che fé la luna chièine.
Mo sone la cambéne
ca ggià vene la feste;
e a ccuddu súne u core
pere ca sté cundende.
I uagnune vurlenne
nde la chiazzette a mórrë,
e cqua e ddà zumbenne,
fanne bbelle ammujine;
e ndande torne alla bbuffetta sòue,
fresckenne, lu cafòune, e nghepe a jisse
penze ca mo ch’è créje ce refine.

Po quanne atturne ce stute gni llustre,
e gningòuse sté citte,
sínde vatte u martídde, sínde u mastre
p’la seche, respegghiéte
nd’la putéja serréte, a u lume ad úgghie,
che ce adopre e cë mbégne
ca la fatije all’àleve cunzégne.

Cusse de la summéne è u megghie júrne,
chjine de spranza iranne e dë prescjézze:
quann’è cré scundandézze
e abbuttamínde, gnune d’la fatije
ggià sende lu talúrne.

Vagnòune prescjanídde
ssa uagnunanza tòue
è nu júrne de prîesce, chjine chjine,
júrne chiere, turchine,
ch’andìcepe la fest’ la vita tòue.
Vúde, vagnòune mije; tímbe jalande,
stascjòune allérie è quésse.
Àlete nde vòi dice; nn-avé fódde,
la festa tòu, sepure arrive tarde,
pe ttè ne nvole ièsse mé pesande.

Francesco Granatiero

Addòure

N’addòure all’àneme dé refine:
sonne li rrosamarine
pe ll’épe ad ogni fiòurë,
sonne i mmacchie de rúsele,
l’àruele i zappine,
lu tume che nnammòure…
Me nàzzeche u remòure
de l’ónne d’la marine.

Avaste cussu scjúche!
Líve i mméne da nanda l’úcchie mije!
Asse ca m’arrecrije
la lustre de ssu lúche.

Odore. Un odore all’anima dà respiro:/ è il rosmarino/ con le api ad ogni fiore,/ sono i cespugli del cisto,/ gli alberi di pino,/ il timo che innamora…/ Mi culla col rumore/ l’onda della marina.// Basta con questo gioco!/ Via le mani davanti agli occhi miei!/ Lascia che mi ricrei/ la luce di questo luogo. (Francesco Granatiero)

Come si scrive (e legge) il dialetto

TRASCRIZIONE DEI DIALETTI MERIDIONALI

di Francesco Granatiero

Il dialetto pugliese (Capitanata, Terra di Bari e parte delle province di Brindisi e Taranto), ma anche lucano, abruzzese, molisano, calabrese settentrionale, campano che non si riconosce nella scrittura del napoletano, si scrive (e legge) come l’italiano, con qualche precisazione. Continua a leggere “Come si scrive (e legge) il dialetto”